Food by VICE

Il mondo è pronto per la carne di zebra prodotta in laboratorio?

Un'azienda, che sta lavorando per creare carne di canguro coltivata in laboratorio, ha dichiarato di voler creare una versione moderna dell'Arca di Noè commestibile.

di Jelisa Castrodale
29 ottobre 2019, 1:44pm

Foto: Getty Images

All'inizio di questo mese, Aleph Farms, un'azienda israeliana che si occupa di carne creata in laboratorio, ha annunciato di aver prodotto un piccolo pezzo di carne nella Stazione Spaziale Internazionale. A parte qualche modifica richiesta per operare in ambiente a gravità zero, il processo era molto simile al modo con cui Aleph ha 'allevato' un prototipo di bistecca lo scorso dicembre.

Il metodo elaborato dell'azienda consiste nel prelevare cellule staminali da un animale vivente, combinarle a fattori di crescita che duplicano il processo naturale di rigenerazione muscolare di una mucca e, infine, di utilizzare un "bio-inchiostro" e una stampante 3D speciale per ricostruire la carne uno strato per volta.

Questa ricerca all'avanguardia condotta in alcune delle situazioni ambientali più estreme che conosciamo, serve come indicatore essenziale per lo sviluppo di metodi di produzione alimentare sostenibili che non aumentino il consumo del suolo, gli sprechi idrici e l'inquinamento

Sebbene l'azienda abbia coltivato la carne di manzo nello spazio solo per dimostrare che era in grado di farlo, Aleph Farms è seriamente intenzionata a sviluppare la sua tecnologia — e la sua carne — come un metodo valido per nutrire la popolazione mondiale in continua crescita. "Questa ricerca all'avanguardia condotta in alcuni delle situazioni ambientali più estreme che conosciamo, serve come indicatore essenziale per lo sviluppo di metodi di produzione alimentare sostenibili che non aumentino il consumo del suolo, gli sprechi idrici e l'inquinamento" ha comunicato l'azienda in una dichiarazione.

Diverse altre aziende che stanno sperimentando con carne coltivata in laboratorio stanno lavorando per sviluppare le proprie versioni della carne di manzo, maiale, pollo e pesce, tuttavia un'azienda australiana si è chiesa "perché fermarsi lì?". VOW Foods, azienda australiana, si sta concentrando sulla carne di canguro coltivata in laboratorio, e dice di voler creare una "Arca di Noè" moderna delle cellule, una collezione di bio-diversità che in teoria consentirebbe di creare delle versioni sostenibili e più etiche della carne di quasi tutti gli animali che possono venirvi in mente.

Al momento, la stragrande maggioranza della carne che viene consumata proviene da quattro o cinque animali. Questo perché abbiamo sviluppato i processi necessari per addomesticare e trasformare la loro carne su grande scala

"Al momento, la stragrande maggioranza della carne che viene consumata proviene da quattro o cinque animali. Questo perché abbiamo sviluppato i processi necessari per addomesticare e trasformare la loro carne su grande scala", ha spiegato ad Inverse il co-fondatore di VOW, Tim Noakesmith. "La domanda che ci siamo posti è stata: 'Quali sono le probabilità che questi animali contengano l'offerta alimentare più gustosa e più ricca dal punto di vista nutrizionale?'

Quindi, come è stato fatto notare su Inverse, questo potrebbe significare che potresti vedere una zebra in uno zoo, e poi allo stesso tempo provarne un "po'" creata in laboratorio. (In effetti a chi non è mai successo passeggiare in uno zoo, classificando mentalmente i vari animali come antipasti, primi piatti, secondi piatti o dessert?).

L'idea di VOW potrebbe avere senso, se non altro perché i consumatori potrebbero essere più propensi a provare carni non convenzionali se questo non richiedesse di, ehm, trasformare lo zoo della loro città in un macello ultra-esotico.

"Se la carne di manzo coltivata in laboratorio può non essere all'altezza di quella autentica, nel caso di carni su cui le persone non hanno aspettative possono esserci invece delle buone speranze. È uno scenario poco prevedibile", ha spiegato James Serpell, professore di etica e benessere animale presso la University of Pennsylvania School of Veterinary Medicine. (E ha ragione quando parla di carne di manzo allevata in laboratorio: anche Aleph Farms ha ammesso che serviva "un po' di lavoro in più" riguardo al gusto della sua stessa bistecca.)

Secondo altri, invece, gli animali esotici saranno una delle ultime cose a essere prodotte dalle aziende che si occupano di carne coltivata in laboratorio, e che probabilmente le bistecche di zebra non saranno disponibili fino a quando non ci sentiremo più a nostro agio con le versioni sviluppate in laboratorio di carni più convenzionali.

Nel 2014, l'e-commerce di carne e cibo per sportivi inglese Muscle Food ha aggiunto le bistecche di zebra al suo negozio online — e non sono durate a lungo. "Quando abbiamo lanciato la carne di cavallo abbiamo venduto 1.100 filetti in meno di tre ore", aveva spiegato all'epoca a VICE un portavoce di Muscle Food. "L'aggiunta più recente alla nostra gamma di carni esotiche sono le bistecche di zebra. Entro cinque ore dal lancio, abbiamo venduto poco più di 900 bistecche". (Eh sì, lo stesso sito vendeva un prodotto chiamato "A Bag of Horse" ed è esattamente quello che vi aspettate dal nome. Questo prodotto non è più disponibile, anche se ci sono ancora elenchi di bistecche e burger di cavallo. Entrambi i prodotti sono attualmente esauriti.)

Quindi, forse presto chiunque potrà addentare delle bistecche di zebra coltivate in laboratorio. E no, non possiamo aspettare che vengano coltivate nello spazio

Questo articolo è originariamente apparso su VICE US.

Tagged:
Munchies
WTF
Tecnologia
carne