Dopo l'hot dog vegano, Ikea lancia hamburger e polpettine agli insetti

Dopo averci deliziato con l'hot dog vegno, Ikea vuole spingerci oltre, con insetti e verdura idroponica
Andrea Strafile
Rome, IT
27.3.18
Immagine via Medium/Kasper Kristoffersen

Appena dico la parola insetti vicino all’aggettivo commestibili, qualcuno in redazione muore.

Sì, perché con la storia che adesso mangiare insetti è possibile, parlarne sta diventando la roba più mainstream del food 2.0. Ci sono dietro il concetto di sostenibilità ambientale, di apertura mentale, di nuovi orizzonti -perché non solo le foto su Instagram cambiano alla velocità della luce, anche il cibo si muove a ritmi schizoidi- e di abbracciare un futuro ormai presente.

Pubblicità

Insomma, per farla breve: ha già rotto le palle 'sta storia, non se la fila più nessuno.

Immagine via Medium/Kasper Kristoffersen

Tranne in pochi casi. E tra questi casi, il primo che può farti cambiare idea è sempre lei, sempre Ikea.

Il fattore sostenibilità non è un mistero per il colosso svedese dei mobili di truciolato, nella parte arredamento così come in quella food. Ecco perché, quando ho letto che Ikea sta per lanciare un menù sperimentale a base di hamburger di insetti e hot dog di micro verdura idroponica, non potevo far finta di niente.

Con Space10, l'innovativo laboratorio danese che porta anche la loro firma, Ikea si è messa in testa di sviluppare ai massimi livelli il cibo che sembra essere, a tutti gli effetti, quello del futuro. Insetti e coltivazione ipertecnologica per abbattere sprechi di qualsiasi tipo.

Immagine via Medium/Kasper Kristoffersen

Utilizzando le tarme della farina vengono ricreate le loro famose polpettine (quindi ora non più ai soliti gusti di manzo e maialeal polistirolo); con pastinaca, patate, barbabietola, larve di coleottero e le suddette tarme viene fuori il Bug Burger (niente male come nome, eh?); poi c’è il Dogless Hot Dog, senza traccia di carne alcuna, la Lokal Salad fatta interamente con le verdure coltivate in loco grazie all’idroponica e, infine, il gelato di erbe coltivate alla stessa maniera.

Il Salad Bar presentato a Londra lo scorso anno ha lasciato tutti a bocca aperta e con la voglia di vederlo realizzato il prima possibile. Il futuro arrivo dei panini al gusto di larve susciterà la stessa reazione?

Pubblicità

Le notizie che arrivano da Ikea si avverano quasi sempre, quindi ci crediamo davvero. E poi, come potrebbe essere il contrario visto il loro impegno incessante nella divulgazione e nella vendita di oggetti che possono semplificare la vita, allungare i manuali di istruzioni e salvare il pianeta?

Proteine a costo zero, vegetali che crescono in casa (quasi) senz’acqua in teche superganze, 'coltivazione' di superfood come l'alga spirulina. Se questo è il futuro, mi piace assai.

Ho un sogno: che un giorno tutta una nazione possa sedersi a quei tavoli così accoglienti, gustare senza vergogna insalate irrigate attraverso un’app, assaporare la tenera carne di minuscoli insetti che fino a un attimo prima stavano probabilmente sgranocchiandosi il mobile in abete alle loro spalle. Con la faccia soddisfatta di chi sta salvando il mondo.

Grazie, Ikea, solo tu potevi farci parlare ancora di insetti.

Segui MUNCHIES Italia anche su Facebook e Instagram.