Questa buffa scaletta è l'illusione ottica più geniale del 2020

Il 2020 ci ha lasciato con poche certezze, ma una di queste è il premio 'Miglior illusione ottica dell'anno'—e il fatto che il cervello umano si inganna facilmente.
Giulia Trincardi
Milan, IT
23.12.20
illusione ottica migliore dell'anno
Immagine: 3D Schröder Staircase” di Kokichi Sugihara. Screenshot via YouTube.

Le illusioni ottiche sono uno spasso, ma anche fonte costante di frustrazione. Dalle strade che convergono in foto a dispetto di ogni logica solo perché il cervello umano non ama le linee parallele, alle curve che sembrano muoversi in direzioni diverse per le oscure (almeno per molti) regole matematiche dei moti armonici complessi, passando per lampade in finto 3D e la famosa ballerina girevole, internet è pieno di conferme deliranti dei limiti della percezione umana dello spazio e persino del tempo.

Da anni, la Neural Correlate Society, una no-profit che promuove la ricerca scientifica percettivo-cognitiva, tiene un concorso globale intitolato ‘Best Illusion of the Year’ per trovare la migliore illusione ottica dell’anno.

Il fortunato vincitore del primo premio per il 2020 è il progetto “3D Schröder Staircase” di Kokichi Sugihara, dell’università di Meiji di Tokyo, in Giappone.

“Una scala di Schröder tradizionale è un’immagine 2D a cui è possibile conferire due interpretazioni,” si legge nella descrizione dell’autore sul sito di ‘Best Illusion of the Year’, “una scala vista dall’alto e una vista dal basso, e la seconda interpretazione può essere percepita facilmente se giriamo l’immagine sottosopra.” Il progetto di Sugihara parte dunque da questa nota illusione ottica e la porta—letteralmente—in una nuova dimensione dello spazio: quella tridimensionale. “L’oggetto 3D presentato ha a sua volta due interpretazioni,” prosegue Sugihara sul sito, “entrambe sono scale viste dall’alto e le interpretazioni si scambiano da una all’altra quando ruotiamo l’oggetto di 180 gradi sull’asse verticale.”

In altre parole, vedendo la scaletta dalla prospettiva imposta nel video, ci sembra che i suoi gradini “scendano” da sinistra verso destra. Ma nel momento in cui la scaletta ruota, anziché invertirsi (come il nostro cervello si aspetterebbe) la pendenza resta nello stesso senso, e l’oggetto appoggiato sopra il gradino più alto si trova ora magicamente su quello più basso.

Guardate il video per capire come ha fatto Sugihara a creare l’illusione ottica migliore dell’anno—poi, se per caso volete tentare di replicare il suo esperimento, vi basterà prendere un po’ di cartoncino, colla, qualche fondamento di matematica e tanta, tanta pazienza.