Instagram scopre il radicchio rosa veneto e non capisce più nulla

Grazie per le aesthetic, Veneto!
2.3.18
Foto by Mack Fox via Unsplash

Pink is the color of passion, cantava qualcuno in tempi non sospetti, regalando a me, amante del rosa, qualche strofa a effetto da intonare con pathos a chiunque accennasse un “beh ma il rosa è proprio un colore orrendo, come fa a piacerti?”. Per mia fortuna, però, sono una Millennial e tutti sanno quanto ci piaccia il Millennial Pink, che per gli addetti ai lavori è il PANTONE 13-1404 TPX Pale Dogwood.

Pubblicità

Per capire quanto a noi Millennial piaccia il rosa, sappiate che ne siamo così attratti da arrivare a mangiarlo e berlo. Non (proprio) letteralmente, eh, bensì in forma d’indispensabile gin alle lacrime di unicorno e Kit Kat al cioccolato Ruby. E non solo.

Alla lista di alimenti carini si è recentemente aggiunto un altro tocco di colore che, in realtà, è fieramente presente sulle tavole di molti veneti da tempo immemore: il radicchio rosa. Come tutto ciò che è rosa e capita sotto l’occhio attento di un amante del food porn, il radicchio rosa è stato riscoperto internazionalmente grazie a Instagram, dove ora spopola (facendoci venire un’incredibile acquolina in bocca).

Indiscutibilmente uno degli account Instagram più belli (dopo il nostro).

Il Radicchio del Veneto - chiamato anche La Rosa del Veneto -, è un tipo di cicoria caratteristico di una delle regioni con l’accento più bello di sempre (scusate, altri accenti italiani), ma che ora non disdegna di crescere ben oltre i confini padani, raggiungendo le terre lontane della California e della Pennsylvania. Ovunque viene coltivato secondo i dettami veneti (anche perché se no la tipica nuance fotogenica non si paleserebbe in tutto il suo splendore), che prevedono principalmente di tenere le piante lontane dal sole, per impedire ai suoi raggi di battere direttamente sulle foglie, scurendole (comunque se avete il pollice rosa potete anche provare a coltivarlo in balcone!).

Foto via Instagram.

Il sapore, invece, è il classico amarognolo del radicchio, unito a delle delicate note dolci che sanno proprio "di rosa" (o almeno, di come io immagino il gusto del Pale Dogwood).

Che poi, sapesse di aria come il Kit Kat (tranne quello rosa, ovviamente, che sarà sicuramente buonissimo), varrebbe la pena mangiarlo anche solo per fotografarlo provare qualcosa di diverso dal solito. Dai, guardate e provate a dirmi che ho torto.

Dall’account Instagram del Finch, ristorante stellato di New York.

@UglyProduceIsBeauty, viaInstagram. Styling di Sarah Phillips.

Segui MUNCHIES Italia anche su Facebook e Instagram (e soprattutto taggaci se decidi di cucinare qualcosa al radicchio rosa!).