Cos'è la paralisi che colpisce una persona durante uno stupro

Spesso le vittime di stupro raccontano di non aver potuto opporre resistenza perché il loro corpo "si era paralizzato". Abbiamo cercato di capire cosa c'è dietro questa reazione—che è un meccanismo di difesa e non una dichiarazione di consenso.

|
11 marzo 2016, 9:12am

Quando mi hanno stuprata, non c'è stata una lotta.

Ho continuato a dire che non volevo fare sesso, ma quando ha cominciato a tirarmi giù i pantaloni e gli slip, il mio corpo si è come paralizzato. Un milione di pensieri mi hanno attraversato la testa e poi si sono fermati, e la mia mente si è come distaccata, spostata in un luogo più sicuro, mentre mi lasciavo stendere nella sua macchina, rigida e silenziosa.

A chi non è mai stato vittima di stupro sembra strano—addirittura incredibile—che le persone in quella situazione non facciano tutto quello che è in loro potere per opporre resistenza o fuggire. Dopotutto, abbiamo l'istinto "combatti o scappa", che dovrebbe entrare in funzione in quelle situazioni, no? Ne conseguirebbe logicamente che se non fai nessuna delle due cose, è perché non ti senti minacciato—e nel caso dello stupro, che eri consenziente ad avere il rapporto.

È opinione comune—un'opinione pericolosamente diffusa nel sistema giudiziario—e anche alcune vittime la usano per negare a se stesse quello che è successo.

Ma è anche una completa falsità, perché accanto all'istinto di conservazione c'è un'altra reazione allo stress, egualmente naturale ma non altrettanto nota: paralizzarsi e arrendersi.

"Immobilizzarsi è una risposta alle minacce comune a tutti i mammiferi, non solo agli esseri umani," ci ha detto il dottor Martin Antony, professore di psicologia alla Ryerson University e autore del libro Anti-Anxiety Workbook. "Alcuni addirittura sostengono che non si dovrebbe parlare di 'combatti o scappa', ma di 'combatti, scappa o paralizzati'."

La paralisi, ha detto Antony, è una reazione di breve durata e di solito avviene in situazioni in cui c'è un elemento di paura o panico—per esempio quando sei nervoso non riesci a pensare alle parole giuste, e anche quello è un paralizzarsi. Probabilmente è un meccanismo che impedisce di prendere una decisione impulsiva.

Karlene Moore, consulente e attivista del Toronto Rape Crisis Center, ci ha dato una spiegazione simile e ha aggiunto che altri "miti" sugli stupri—per esempio, che gli stupri siano per lo più perpetrati da sconosciuti che saltano fuori dai cespugli o dalle stradine buie, mentre di solito sono persone che le vittime conoscono—possono contribuire a questa reazione.

"Cerchiamo di processare quello che sta succedendo. Cerchiamo di capire cosa sta succedendo, perché è diverso da quello che ci hanno insegnato sulla violenza sessuale, sullo stupro e su come dovrebbe essere, ma non possiamo fare a meno di sentire che c'è qualcosa che non va," ha detto Moore.

Lily*, 23 anni, è stata violentata ripetutamente dal suo allora fidanzato quando aveva 14 anni. Ricorda il corpo che si è paralizzato almeno durante uno degli episodi, quando lui l'aveva obbligata a farsi praticare sesso orale. Lei aveva rinunciato a opporre resistenza, a condizione che le lasciasse tenere gli slip.

"Ricordo solo la paura e la sofferenza per quello che stava succedendo," ha detto Lily. "Il mio corpo era rigido, volevo urlare. Sentivo l'urlo in gola, ma ero troppo imbarazzata per fargli capire che non mi piaceva quello che stava facendo, perciò sono rimasta lì sdraiata sperando che finisse in fretta."

Come me, anche lei ricorda di aver cominciato a pensare ad altro durante la violenza—nel suo caso, ai compiti di matematica.

"Continuavo a pensare, Oh, devo proprio andare a casa, devo fare i compiti di matematica. Che è buffo perché ho sempre odiato la matematica, per cui non so perché pensavo proprio a quello," ha detto Lily.

Spostare l'attenzione durante uno stupro può servire come ulteriore meccanismo di difesa quando, dopo l'iniziale paralisi, pensiamo che non possiamo evadere da una situazione pericolosa, ha detto Antony.

"Ci sono casi in cui giungi alla conclusione che se opponessi resistenza ti metteresti ancora più nei guai. Forse l'altra persona potrebbe diventare ancora più violenta, o forse hai la certezza di non poter fuggire," ha spiegato. "E in quel momento, se non puoi fuggire fisicamente, puoi fuggire mentalmente per proteggerti dal dolore che stai provando."

Un'altra persona con cui ho parlato, Chris, mi ha raccontato che cinque anni fa ha subito un'aggressione sessuale da un amico d'infanzia. Lui era un po' più grande, erano andati a una festa insieme—in una casa sconosciuta a Chris. Quando l'amico ci ha provato, Chris ha pensato che non avrebbe saputo come tornare a casa senza di lui, e che perciò non aveva scelta.

"È stata una specie di dissociazione. Non pensavo a niente. Mi ricordo solo che volevo andare a casa... Non ero del tutto presente," ha detto Chris. "Mentre succedeva, non pensavo. Per me, era come se non stesse succedendo."

Non sono riuscita a trovare statistiche sulle persone che si paralizzano quando subiscono una violenza sessuale, ma non sono nemmeno sicura che esistano dati di questo genere. Antony mi ha detto che le ricerche in questo senso sono state poche, tantomeno nel caso specifico dello stupro. Ma in questo caso, penso che le esperienze delle vittime di stupro siano abbastanza chiare.

Paralizzarsi e arrendersi sono meccanismi di difesa—non una dichiarazione di consenso.

*I nomi sono stati cambiati.

Segui Jackie Hong su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: