FYI.

This story is over 5 years old.

ΡΟΜΑ

Roma fiorisce con Spring Attitude, tra performance audiovisive e musica elettronica

Artisti internazionali festeggiano la primavera con performance e dj set anticonvenzionali.
Giulia Trincardi
Milan, IT
15 maggio 2015, 11:13am
Edwin Van der Heide, LSP. Spring Attitude 2015.

Lo Spring Attitude è cominciato ieri sera a Roma con l’evento di apertura al MAXXI che ha dato il benvenuto a pubblico e a ospiti internazionali e locali, oltre a salutare con energia la sua sesta primavera consecutiva.

Il festival—i cui eventi d’arte e dj set scorrono tra il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, la Pelanda & Factory e lo SPAZIO NOVECENTO per tutto questo fine settimana—è incentrato sulla musica elettronica nelle sue declinazioni più curiose, innovative e sperimentali, e si dichiara “alla ricerca di un ‘altrove’ che porti ad esiti inediti ed entusiasmanti.”

La serata d’apertura SPRING + ON di ieri sera, curata da Caterina Tomeo, è stata un susseguirsi di performance audiovisive, con tre opere che hanno trasformato il pubblico da spettatore a partecipante, immergendolo in veri e propri rituali di suoni e immagini.

Robert Henke ha presentato Dust, una performance site specific durante la quale, nella quasi penombra, ha elaborato frammenti sonori—registrazioni di rumori naturali e stralci digitali—avvolgendo il pubblico in pattern sinestetici incentrati sul concetto di rumore materico; Edwin van der Heide ha invece trasportato le persone in un’altra dimensione—una composta da oggetti di luce tridimensionali immersi in una nebbia surreale—con LSP (Laser Sound Project), tingendo la performance dell’immediatezza comunicativa dello spazio di gioco. Infine, i Quiet Ensemble hanno messo in scena un’opera già nota, rielaborata per l’occasione. Natura Morta - Tropical Version è, più che una performance, quasi un rito alchemico, che trasfigura i frutti della natura da oggetti inanimati a emettitori di pulsazioni. I performer hanno infatti—ancora una volta—generato e composto suoni sfruttando la carica elettrica degli acidi di piante e frutta, amplificandone e deformandone il suono con controller midi, mentre immagini di dettaglio dei particolari strumenti utilizzati proiettate tutto intorno diventavano sempre più astratte.

La serata è stata completata dalle esibizioni live di Dean Blunt, Yakamoto Kotzuga, John Talabot, Cut Hands.

Guardate alcune immagini dell’evento SPRING + ON qui sotto:

Tutte le immagini: gentile concessione dello Spring Attitude - Robert Henke, Dust. Spring Attitude 2015.

Edwin Van der Heide, LSP. Spring Attitude 2015.

Lo Spring Attitude proseguirà per tutto il fine settimana tra eventi d’arte performativa e dancefloor anticonvenzionali, con artisti come Apparat, Sbtrkt, Godblesscomputers, Populous e Clap!Clap!

Consultate il programma del festival sul sito ufficiale per saperne di più!