Pubblicità
relazioni

Se sono bisessuale non significa voglia fare una threesome con te e la tua ragazza

Se sei una ragazza lesbica o bisessuale sulle app di dating, essere bersagliata da coppie in cerca di una threesome non è così strano.

di Sophie Hemery; illustrazioni di Ella Strickland de Souza
24 giugno 2019, 8:31am

Illustrazione di Ella Strickland de Souza.

Chloe* è bisessuale, ma quando ha fatto match con Cat aveva impostato l'app in modo da escludere gli uomini. E sebbene sul suo profilo Cat dicesse di essere interessata a trovare qualcuno disponibile a cose a tre con lei e al suo ragazzo, aggiungeva di essere aperta a frequentare altre ragazze singolarmente. Chloe aveva chiarito che non era interessata a una threesome, e le due hanno iniziato a frequentarsi. Alcuni appuntamenti e un po’ di sesso più tardi, Cat ha chiuso improvvisamente le cose tramite messaggio.

"Ero un po’ delusa, perché mi ero mostrata vulnerabile,” mi dice Chloe. Ma è stato solo dopo un ulteriore messaggio che il fastidio ha preso il sopravvento. "Mi aveva scritto una cosa tipo: 'Spero che non sia troppo sfacciato dirtelo adesso, ma ti andrebbe una cosa con me e il mio ragazzo?'" Chloe era arrabbiata e ferita. “È come se il legame che avevamo condiviso fosse solo una scusa per convincermi a fare una cosa a tre. Per farmi abboccare.”

Mentre di frequentazioni non-monogame e poliamore si parla sicuramente più che in passato, l'educatrice sessuale Ruby Rare sostiene che un rapporto a tre con un'altra donna è diventato una fissazione per molte coppie etero—e la maggior parte cerca la “terza persona" su app per incontri. Ruby accoglie positivamente questa maggiore apertura, ma dice che "molte persone coinvolte in queste conversazioni potrebbero non avere una grande educazione" sulla sessualità.

Quello che stava facendo Cat è noto come “caccia all’unicorno.” “La caccia all'unicorno si riferisce a chi cerca la persona perfetta per fare ciò che desidera sessualmente o romanticamente,” afferma l'attivista Meg-John Barker. “Spesso la frase viene utilizzata nel contesto di coppie uomo/donna che cercano una bisessuale a cui piacciano entrambi allo stesso modo e che si unirà a loro per una threesome.” Un altro utilizzo comune è per una coppia uomo/donna poliamorosa alla ricerca di una fidanzata. Il problema principale, però, mi dice Barker, è che "cercano un animale mitologico, che non esiste davvero.”

Unicorn hunting couple Tinder profile

"Per alcuni la caccia all’unicorno è problematica in quanto parte da un punto di vista eteronormativo, in cui i bisogni della coppia uomo/donna hanno la priorità. Potrebbe esserci la sensazione che sia tutto a vantaggio dell'uomo—che vuole vedere la compagna con un'altra donna,” aggiunge Barker. “E in cui si presume che la sessualità della partner sia flessibile, a differenza della sua. Forse anche che tutto ruota intorno al desiderio di lui; non a quello di lei, né a quello dell’altra donna."

La caccia all'unicorno è diffusa su una vasta gamma di app per incontri. App specifiche come Feeld consentono alle coppie di creare profili condivisi e a tutti gli utenti di definire i propri desideri sessuali, comprese le threesome, ma questo non ferma le 'cacce' problematiche. Spesso si va alla ricerca di una terza persona anche su app come OkCupid e Tinder, dove le coppie creano un profilo insieme o si collegano separatamente. Anche gli utenti di app d’incontri per lesbiche come HER non sono esenti, e molte utenti segnalano cacciatori di unicorni che saltano fuori tra i loro potenziali match.

In risposta al fenomeno, su Facebook è nata una comunità con oltre 9000 membri dedicata alla condivisione di esperienze, mentre molte donne lesbiche o bisessuali hanno iniziato a usare sui loro profili delle app di dating frasi come “Niente threesome, per favore.”

Secondo Francesca—che fa parte di questa categoria—dipende anche dall'idea che le donne bisessuali siano “insaziabili e promiscue e sempre pronte a fare sesso.”

“Provarci per arrivare a una threesome non è una cosa molto consensuale, a meno che le dirette interessate non specifichino la disponibilità sul loro profilo,” afferma l'educatore sessuale Justin Hancock. Hancock pensa inoltre che questo fenomeno sia “un esempio di bifobia,” perché “essere bisex non significa che le persone siano interessate a fare sesso con più di una persona,” e che la caccia all'unicorno spesso “feticizza” le donne lesbiche e bisessuali.

Bisexual unicorn Tinder profile

Zoë, che è stata una "unicorno", trova che il modo in cui si svolge l’intero processo sia quasi sempre dannoso per la terza persona. Dice che il problema più grande per lei è che le coppie sono solitamente ingannevoli nel loro approccio. “Di solito i ragazzi usano le loro ragazze come esca,” dice.

Holly ha vissuto questa dinamica dopo aver fatto un match con Clara, che era in una relazione non-monogama con un uomo. Lei e Clara sono diventate intime, ed è stato solo dopo due anni di frequentazioni e amicizia che “improvvisamente ho capito che il piano era solo di farmi andare a letto con il suo fidanzato.”

“Una coppia in cerca di una terza persona non è per forza problematica,” dice Zoë, “ma l'idea del ‘Questo è il mio partner, e questo è qualcuno con cui scopo e basta, di cui in realtà non mi frega un cazzo ma che risponde ai miei bisogni in questo momento’... è questo che mi mette a disagio, l'idea che le persone siano usa e getta in rapporto a questa relazione principale.” Dice che la dinamica spesso si basa sulla “passività” dell'unicorno e sulle “forti limitazioni” che vengono imposte ai suoi desideri, comportamenti ed emozioni. In sostanza, aggiunge, spesso “queste coppie sono alla ricerca di qualcuno che faccia palesemente del sex work, ma senza voler pagare.”

Unicorn hunting Tinder profile

Luna Matatas—che si descrive come “un unicorno certificato”—ha iniziato a tenere seminari sul piacere nel sesso di gruppo dopo una “marea di terribili” esperienze. “Direi che il 95 percento delle volte, mi sono sentita come se fossi stata ammessa nello spazio di una coppia in qualità di ‘intrusa con l’invito’. Un po’ come, ‘Ti vogliamo, ma non avvicinarti troppo, non occupare troppo spazio con i tuoi desideri…"

"Quando insegno, vengono sempre fuori gli stessi problemi: le coppie di solito sono molto protettive nei confronti dei propri bisogni e desideri... e dimenticano che l'altra persona non è lì solo per servirle.”

Matatas esorta le coppie a pensare a quello che stanno offrendo, e a cercare persone che dicono di essere interessate a rapporti a tre già sui loro profili. Nel comunicare con la terza persona, aggiunge, gli interessati a una threesome devono essere in grado di discutere apertamente dei desideri e dei bisogni di tutti allo stesso modo. Praticamente, di ricordarsi che “l'altra persona è un essere umano e non solo un altro corpo da aggiungere alla loro fantasia.”

E se una coppia preferisse qualcuno che metta in scena la loro fantasia? Forse dovrebbero prendere in considerazione l’idea di pagare una sex worker, piuttosto che chiedere a una donna bisessuale di farlo gratuitamente.

*Alcuni nomi sono stati cambiati.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI.

@SophieHemery

Guarda anche: