Nove cose che Amazon sa su di te — e che non pensavi potesse sapere

Indirizzi, persone di cui ti fidi, movimenti del mouse e altro ancora: ecco quali sono i dati che l'azienda raccoglie su di te a ogni acquisto che fai.
Immagine: STPP

Dove hai abitato in passato? Qual è il tuo orientamento politico? Quali sono le tue preferenze quando si parla di sex toys? Quanto sei di sinistra? Quanti soldi hai? Ecco, chiunque ami parlare pubblicamente di cose del genere può continuare a fare acquisti su Amazon senza esitazioni. Tutti gli altri dovrebbero almeno pensare a quello che rivelano casualmente al noto rivenditore online.

Amazon, infatti, ti conosce meglio di quanto ti aspetti. Certo, è scontato che sappia l’indirizzo postale e il numero della tua carta di credito — altrimenti, quando fai acquisti, come farebbero i pacchi ad arrivarti a casa? Il problema è che gran parte delle persone non è a conoscenza di quali e quanti dati vengono divulgati attivamente. In poche parole, quello che Amazon sa di te va ben oltre ciò che pensi.

Pubblicità

Ovviamente Amazon deve indicare le ragioni per cui raccoglie dati e lo deve fare all’interno di un quadro legale, ma quasi sempre la formulazione dell'informativa sulla privacy è talmente dettagliata e contorta che quasi nessuno la legge davvero. E, spesso, l’azienda non spiega esattamente come utilizza le informazioni che raccoglie. Per questo, possiamo dire solo cosa potrebbero sapere su di te teoricamente.

Per comprendere meglio come Amazon ci cataloga, ho analizzato tutta l'informativa dell'azienda sulla privacy e ho chiesto ad un esperto cosa significano i vari punti e quanto potrebbero essere pericolosi.

1. L’impronta digitale del tuo browser

Appena apri la pagina di Amazon con il tuo browser, stai probabilmente dicendo all'azienda chi sei. Anche se non hai ancora effettuato l’accesso con il tuo account Amazon o immesso il tuo nome, anche se stai navigando con il tuo cellulare o con un IP diverso e anche se elimini costantemente i cookie, il tuo browser lascia un’impronta che comprende versione del software, sistema operativo, plug-in installati, fuso orario impostato e così via.

Il numero di queste caratteristiche, infatti, è spesso così elevato da lasciare una vera e propria impronta digitale durante la navigazione. In altre parole: anche senza il tuo nome, Amazon si fa un’idea di te. Diciamo che è un po’ come girare in città con un cappuccio di una felpa che ha una toppa molto riconoscibile.

Pubblicità

2. La tua cronologia completa

Dieses Amazon-Angebot zeigt eine Dinosauerierpuppe für 15.000 Euro.

Magari non comprerai mai questo dinosauro da giardino gigante, ma Amazon si ricorderà che l'hai guardato. Immagine: Screenshot da Amazon

Amazon non solo sa quello che hai comprato nel corso degli anni, ma anche quello che non hai comprato: l’azienda salva e analizza tutti i prodotti e le pagine che hai visitato, anche se poi non hai comprato niente. Comprese tutte le cose che erano troppo costose o troppo imbarazzanti per premere “acquista.”

Steffen Staab, professore di informatica e ricercatore presso l’università di Coblenza, ha paragonato Amazon a qualcuno che ti osserva perennemente mentre fai shopping. “Voglio davvero che uno sconosciuto stia dietro alle mie spalle mentre compro cose private, legate alla mia vita sessuale?” ha detto quando l’ho contattato.

Ovviamente, anche i dipendenti di un sexy shop possono vedere cosa porti alla cassa, ma almeno non possono sapere cos'hai guardato nel frattempo, non prendono appunti e non sanno nemmeno cosa hai già visto o comprato in altri sexy shop.

3. Qualsiasi numero di telefono che hai usato per contattare Amazon

Non è necessario digitare il tuo numero di telefono attivamente nel tuo account di Amazon per far sì che l’azienda lo inserisca nei propri database: basta anche solo avergli fatto una telefonata mezza volta. Tra le cose che Amazon salva e analizza ci sono, infatti, anche i “numeri di telefono che hai usato per chiamare il servizio clienti.” Hai mai chiamato il servizio clienti dal lavoro? Bene, probabilmente Amazon conosce quel numero.

Pubblicità

4. Le fasi della tua vita

Cresciuto in un piccolo paesino, trascorso un anno all’estero, cinque anni in una città universitaria. La tipica biografia tra scuola superiore e lavoro è qualcosa che Amazon può sapere.

Amazon non memorizza solo l’indirizzo di consegna attuale, ma salva anche quelli precedenti. “Quando aggiorni le informazioni, di solito conserviamo una copia delle tue informazioni originali nei nostri archivi,” si legge nell’informativa sulla privacy.

5. La tua famiglia e i tuoi amici

Quando ordini qualcosa da Amazon puoi anche far recapitare il pacco a casa qualcun altro. Amazon si ricorda chi sono i fortunati perché memorizza le informazioni su “persone a cui sono stati inviati degli acquisti.”

Ovviamente, questo non dice nulla sul come vengono utilizzate queste informazioni. Ma è abbastanza chiaro che tramite questi dati si può facilmente risalire alle persone che hanno un peso nella tua vita — anche se questo non dovrebbe succedere.

6. Il tuo profilo: da eventuali malattie ai tuoi gusti personali

Certo, se usi Amazon per comprati uno spazzolino di tanto in tanto non c’è molto da rilevare. Ma quando ricevi libri, film, musica, regali e così via, Amazon riesce a tracciare un profilo abbastanza preciso di chi sei. Ciò che fa è raccogliere e analizzare la tua “cronologia degli ordini e di navigazione.”

“Questi dati sono molto più accurati dei dati di Cambridge Analytica,” afferma l’esperto Steffen Staab. Lo scandalo citato a paragone, ricorderete, ha fatto precipitare Facebook in un’enorme crisi di pubbliche relazioni, dopo l’elezione di Donald Trump. I dati raccolti da Cambridge Analytica riguardavano anche, banalmente, i like delle persone su Facebook — che sono stati utilizzati come terreno per alcune campagne pubblicitarie prima delle elezioni in USA.

Pubblicità

Preferisci la musica pop alla trap? Ti piace la birra o ti interessano le cravatte? Regali un dildo o un reggicalze? Leggi una guida per come crescere un bambino o un saggio sul disturbo post-traumatico? Il comportamento d’acquisto permette di trarre conclusioni basate sulle probabilità e, di conseguenza, creare un profilo abbastanza accurato di chi sei. Con Amazon Fresh, poi, l'azienda è entrata di recente nel mercato dei prodotti alimentari freschi — inutile dire che il cibo che mangi potrebbe essere oggetto di analisi a sua volta.

7. Quanti soldi hai

Amazon ha un grande interesse a scoprire quanti soldi possiedi e quanto sei disposto a spenderli. Questo perché il suo scopo principale è vendere, ma anche per riconoscere truffatori che non vogliono pagare i loro acquisti. A seconda dell’affidabilità dei pagamenti effettuati, infatti, Amazon può suggerirti altri metodi. L’azienda, però, non si ricorda solo quanti soldi hai già speso per i tuoi acquisti e in quanto paghi le ricevute: può anche chiedere informazioni sullo stato delle tue finanze alle agenzie di credito.

Un portavoce di Amazon ha declinato di rispondere alle domande poste da Motherboard su questo aspetto.

8. Ogni movimento del tuo mouse

Se ti piace scrollare mentre fai shopping, Amazon lo sa. Se hai un tic preciso con il mouse, Amazon lo sa. Se ti piace tenere aperte molte pagine diverse, Amazon lo sa perché raccoglie e analizza ogni singola interazione e ogni clic sulle sue pagine.

Pubblicità

Difficilmente Amazon noterà qualcosa di intimo sulla tua persona attraverso il mouse — ma c'è ugualmente un fine secondario: l’azienda traccia i movimenti del tuo mouse per vedere gli effetti della pubblicità, perfezionare le proprie pagine e vendere di più.

9. Quali telefoni, tablet e laptop possiedi

Affinché Amazon sappia quali dispositivi possiedi, è sufficiente che li abbia usati per connetterti al sito anche una sola volta. Hai due telefoni, un tablet e tre computer e li usi tutti? Perfetto: Amazon sa per quanto tempo stai sulla sua piattaforma e con quale dispositivo.

Il sistema operativo, che è automaticamente riconoscibile per Amazon, rivela molto sul dispositivo in questione: dietro a un iOS 11 è probabilmente nascosto un iPhone, dietro a un Android 4.4 probabilmente un vecchio telefono economico. Linux? Probabilmente c’è un nerd dietro a un PC.

Cosa ci fa Amazon con tutti questi dati?

“Vendere le informazioni private dei nostri clienti non rientra tra i nostri lavori,” sottolinea Amazon nella sua informativa sulla privacy. L'azienda, invece, sostiene di raccogliere dati per raccomandare “prodotti, servizi e offerte promozionali.”

Amazon non ha probabilmente alcun interesse a spiare te come persona. In generale, l'obiettivo principale è identificare truffe e mettere in mostra prodotti personalizzati per guadagnare di più, ma è anche chiaro che più dati raccoglie, meglio può proporre e vendere prodotti e consolidare il suo monopolio.

Pubblicità

In quanto a campagne politiche basate sui dati, come quella di Cambridge Analytica, Amazon non è nella stessa situazione di Facebook. Su Facebook, gli utenti condividono notizie attuali, esprimono opinioni e discutono. Su Amazon non esiste una piattaforma per questo.

Tuttavia, Amazon lascia aperta una sorta di "backdoor" nell'informativa sulla privacy, dicendo che “la nostra attività è in continua evoluzione. Ti consigliamo di visitare il nostro sito regolarmente e prendere note di eventuali modifiche.”

Quanto è pericoloso che Amazon sappia tutte queste cose?

Il problema della privacy è che è estremamente difficile capire in anticipo se e in che modo i tuoi dati potrebbero essere utilizzati in modo improprio in futuro. Una cosa è certa, però: sui server delle grandi società di tecnologia si sta accumulando un tesoro di dati, fatto dei profili dettagliati di gran parte dell’umanità.

Steffen Staab è d'accordo. “I profili delle personalità sono relativamente stabili nel tempo,” ha detto il professore. È raro, infatti, che una persona molto liberale diventi conservatrice o viceversa. In base a ciò, i dati raccolti oggi potrebbero essere significativi anche tra dieci anni. “Amazon è in grado di sondare la popolazione senza fare domande,” ha dichiarato Staab.

Inoltre, non è nemmeno importante se, in un primo momento, un aggregatore di dati sbaglia a creare un profilo perché pensa che tu si una donna di 60 anni, quando in verità sei un uomo sui 30. Quello che conta è che Amazon riesca ad affermare con certezza molte cose su di te, cose che si applicano poi al tuo profilo.

Non c’è nessuna garanzia che i giganti della tecnologia come Facebook, Amazon o Google non decidano un giorno di unire le proprie banche dati, aumentando esponenzialmente ciò che sanno — anche se sarebbe poco realistico all’attuale stato delle cose. Tecnicamente, però, è possibile. Inoltre, finché non scoppia uno scandalo, non possiamo davvero sapere se i nostri dati siano o meno sistematicamente utilizzati per secondi fini — come, per dire, la propaganda politica mirata.

In Cina, però, esiste già un sistema statale pensato per valutare i cittadini in base alla loro attività online: più alto è il punteggio individuale, meglio è. Ma qualora le persone con un punteggio basso fossero anche socialmente svantaggiate, potrebbero emergere forme completamente nuove di discriminazione e sorveglianza.

Tali scenari sono — per ora — molto speculativi e la raccolta dati di Amazon è più nel reame dell'audace che del minaccioso. In sostanza, Amazon rende il tuo shopping più personale e fluido — il monitoraggio serve proprio a questo. Ognuno deve decidere da solo se ne vale la pena o meno.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MOTHERBOARD e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard Germania.