Salute

Se stai bevendo di più per affrontare lo stress da coronavirus non sei il solo

Non c'è nulla di male se ti fai qualche birra mentre videochiami gli amici perché sei chiuso in casa a causa del coronavirus, ma ci sono diversi motivi per cui è consigliabile andarci piano.

di Emily Cassel; traduzione di Giacomo Stefanini
26 marzo 2020, 4:16pm

Illustrazione: Cathryn Virginia

Il distanziamento sociale, il lavoro da casa o la chiusura di tutte le attività ci lascia molto tempo libero. Tempo che si può agilmente riempire consumando una o 12 birre.

Dopo che il governo ha disposto la chiusura di tutti i bar, i ristoranti e parte degli altri luoghi di aggregazione per combattere la diffusione del COVID-19, un amico mi ha scritto un messaggio che diceva: "Ho appena speso 186 euro in alcolici".

In realtà non è difficile trovare alcolici - tipo i supermercato ne sono sempre pieni -, ma l'impulso all'accumulo è comprensibile. "Ho preso tutta la birra High Life che riuscivo a portare in bici e una bottiglia di Jameson", ho scritto al mio partner quella sera. "Niente da mangiare però".

Se stai bevendo di più per affrontare lo stress da pandemia—o vedi che i tuoi amici fanno più battute del solito sul loro consumo di birra—non sei l'unico. Il distanziamento sociale, il lavoro da casa e semplicemente l'idea di vivere senza andare al cinema, in palestra, al ristorante o svolgere praticamente qualunque altra attività che ti dia un minimo di gioia ci lascia molto tempo libero. Tempo che si può agilmente riempire consumando una o 12 birre.

"Ogniqualvolta ci sentiamo minacciati, abbiamo l'istinto di avvicinarci ad altre persone, oppure abbiamo l'istinto di chiamarcene fuori ed evitare quella sensazione". Visto che stare vicino ai tuoi cari non è possibile, ha senso che molta gente si rivolga all'alcol

La voglia di sbronzarsi durante una pandemia è piuttosto condivisibile. Kenneth Skale, presidente dell'associazione psicologi della contea di Los Angeles, ha detto che desiderare un drink (o vari drink) in un momento come questo è "assolutamente normale".

“In molti si trovano in una situazione terribile", ha detto. "C'è molta incertezza, pressione finanziaria—nessuno sa come andrà a finire".

Skale ha spiegato che le persone di solito usano le sostanze in due modi: come sostituto per le relazioni, o come agente desensibilizzante per non sentire ciò che provano. "Ogniqualvolta ci sentiamo minacciati, abbiamo l'istinto di avvicinarci ad altre persone," ha detto Skale. "Oppure abbiamo l'istinto di chiamarcene fuori ed evitare quella sensazione". Visto che stare vicino ai tuoi cari (e/o a chiunque altro) non è fisicamente possibile in questo momento, ha senso che molta gente si rivolga all'alcol per rimpiazzare questa connessione, e per avere meno paura.

"Il problema principale è che bere funziona. Aiuta davvero a diminuire lo stress e a rilassarsi, almeno mentre si beve".

Anche se bere più del solito in un periodo triste, solitario, noioso e del tutto nuovo come questo è ragionevole, è anche... poco salutare. "Il problema principale è che bere funziona", ha detto lo psicologo clinico Ryan Howes. “Aiuta davvero a diminuire lo stress e a rilassarsi, almeno mentre si beve".

Bere non è un'ottima idea anche per evitare di ammalarsi. L'alcol tende ad abbassare le difese immunitarie.

Ma gli effetti positivi dell'alcol sono temporanei e dannosi sul lungo termine, o anche nel breve termine, ossia appena torni sobrio. "Quando ti svegli la mattina dopo, ti trovi ad affrontare i postumi della sbornia, lo stesso stress che stavi cercando di evitare e una capacità ridotta di gestire quello stress", ha detto Howes. Pensa a quanto è difficile portare a termine un semplice compito o gestire un coinquilino rompipalle quando hai i postumi in un momento normale.

Bere non è un'ottima idea anche per evitare di ammalarsi. "L'alcol tende ad abbassare le difese immunitarie", ha detto George F. Koob, dottore di psicologia comportamentale e direttore dell'Istituto Nazionale USA per l'abuso di alcol e l'alcolismo. Durante una pandemia potrebbe non essere il passatempo più indicato. "Se sei vulnerabile a virus e infezioni", ha detto Koob, "probabilmente non è una buona idea aggiungere a questo rischio [un consumo eccessivo di alcol]" (e, per la precisione, al momento siamo tutti vulnerabili e dobbiamo essere tutti molto attenti).

Presta attenzione al tuo consumo, se sta gradualmente aumentando. Potrebbe essere una buona idea annotarsi quanto stai bevendo ogni giorno in una app tipo Calendario.

Allora, che cos'è un consumo eccessivo in questo contesto? Quanto è sano bere (o assumere droghe) oggi?

Skale ha detto che, per quanto sia oggettivamente non sano ubriacarsi, non significa che non dovreste mai farlo. Non c'è una regola precisa, ma in generale conviene autoregolarsi. Presta attenzione al tuo consumo, se sta gradualmente aumentando (cosa che di solito accade ed è più difficile da monitorare se si è isolati e stressati). Potrebbe essere una buona idea annotarsi quanto stai bevendo ogni giorno in una app tipo Calendario.

Sei davvero così solo? Chiama qualche amico. Ti annoi? Leggi un libro, cucina, impara qualcosa. Depresso? Vedi se il tuo terapeuta fa sedute via telefono o video

Se noti un aumento del tuo consumo di alcol recentemente, prova a pensare qual è il motivo specifico per cui stai per aprire un'altra birra alle 3 del pomeriggio. Se lo fai per accompagnare un momento positivo—tipo bere videochiamando gli amici—o per superare un raro momento di difficoltà, gli esperti dicono che probabilmente non c'è nulla di male. Se stai cercando di essere evitante, o bevi per attutire ansia o depressione, o bevi molto e regolarmente senza nemmeno pensare al perché, datti una regolata. "Se [il bere] si usa per risolvere un problema, è un problema", ha detto Skale. "I sentimenti on sono un problema. I sentimenti sono l'allarme di qualcosa che non va".

La mossa giusta è ascoltare i sentimenti che vorresti affogare nell'alcol (lo so, è controintuitivo) e poi affrontarli con attività più utili che non comportino l'alcol. Per quanto sia fastidioso sentirsi consigliare di imbarcarsi in un progetto di automiglioramento quando tutto quello che vorresti fare è bere, ogni esperto che ho interpellato ha suggerito di fare così.

Per esempio, sei davvero così solo? Chiama qualche amico. Ti annoi? Leggi un libro, cucina, impara qualcosa. Depresso? Vedi se il tuo terapeuta fa sedute via telefono o video—in molti in questo periodo hanno preso a farlo anche se non faceva parte della loro routine. Se non hai un terapeuta o non te lo puoi permettere, Howes raccomanda di tenere un diario "per esprimere e controllare i propri sentimenti in modo che non sembrino più così insormontabili".

“Cerco di pensare al lato positivo dell'autoisolamento, e sembra che uno dei maggiori vantaggi sia... dire: 'Un giorno mi occuperò di [inserisci un progetto a scelta]", ha detto Howes. "Magari è fare spazio nell'armadio, o scansionare le vecchie foto, o scegliere cosa tenere dei tuoi ricordi d'infanzia, o mettere a posto quella maledetta porta che cigola". Può anche trattarsi di una roba da niente, ma mettere una croce sopra alla voce più stupida e semplice della tua lista delle cose da fare può aiutarti a interrompere la discesa in una spirale di "aaah, non so cosa fare, mi limiterò a camminare su e giù per il salotto e scrollare Instagram".

Gli esperti hanno anche suggerito un metodo infallibile per migliorare l'umore: la ginnastica. "Una delle cose su cui noi scienziati possiamo sempre contare, perché sappiamo che è un vero aiuto, è l'esercizio", ha detto Kloob. "Ti migliora sempre l'umore; fa bene a tutto, compresi il cuore e il cervello". Allenarsi a casa non dev'essere uno sforzo immane; bastano 20 minuti di yoga, qualche flessione o piegamento, o anche ballare per un po'!

Nessuno vuole dirti che non puoi farti fuori qualche birra mentre sei bloccato a casa. "Se devi bere durante questo periodo, metti in chiaro con te stesso perché lo stai facendo e sii sincero riguardo a quello che ti aspetti di ottenere facendolo", ha detto Howes.

“Se l'alcol o le droghe rappresentano la maggioranza delle gambe su cui appoggia la tua tavola... è un problema", ha detto Skale. Potresti anche trovarti costretto ad accettare che nulla 'funzioni' davvero in un momento come questo. Potresti non sentirti molto bene o non sentirti del tutto te stesso, che è una rottura, ma è anche la realtà delle circostanze. Sono tempi stressanti, incerti... tempi di merda. Un giretto nella corsia degli alcolici può renderli leggermente meno di merda e meno stressanti, almeno temporaneamente, ma non li renderà meno incerti, e potrebbe diminuire la tua capacità di contrastare l'infezione. In conclusione: bevi pure, ma sta' attento alla salute e, come per tutto in questo momento, pensa sul lungo termine, perché il traguardo finale è ancora lontano.

@biketrouble

Questo articolo è stato pubblicato in origine su VICE US.

Tagged:
alcol
Coronavirus
COVID-19