Caffè e cambiamento climatico
Tutte le foto dell'autore

Il caffè potrebbe non sopravvivere al cambiamento climatico

"A differenza di un essere umano, una piantagione di caffè non può semplicemente trasferirsi in un altro luogo."

Secondo la World Coffee Research, la temperatura di 32 gradi centigradi è il limite massimo oltre il quale le condizioni per la coltivazione del caffè non sarebbero più garantite

Se ti capita di fare un viaggio in auto tra le strade tortuose delle Ande, verso la piantagione di caffè di Finca Takesi, scegli il posto finestrino (ma non guardare giù). In questo angolo remoto della Bolivia, a circa mezza giornata di viaggio da La Paz, i guardrail sono una rarità e l'unico modo per attraversare queste strade sinuose è guidare con prudenza, attaccati al versante roccioso delle montagne . Non per niente, qui si trova la cosiddetta "Death Road," la strada della morte.

Pubblicità

Se lavori nel settore del caffè, il viaggio è necessario e vale la pena rischiare. Finca Takesi è la piantagione di caffè più alta al mondo, dove i chicchi crescono in condizioni proibitive, che molti considerano impossibili.

Il 28% delle coltivazioni di caffè oggi esistenti è in grave pericolo

A causa del riscaldamento globale, l'industria del caffè potrebbe ben presto trovarsi di fronte a nuovi impellenti cambiamenti. Secondo la World Coffee Research, la temperatura di 32 gradi centigradi è il limite massimo oltre il quale le condizioni per la coltivazione del caffè non sarebbero più garantite. Nel report annuale del 2017, i ricercatori hanno dichiarato che il 47 percento dell'attuale produzione di caffè proviene da paesi che entro il 2050 potrebbero perdere fino al 60 percento di terreno coltivabile. Per capirci, il 28 percento delle coltivazioni di caffè oggi esistenti è in grave pericolo.

In molti casi, molti degli agricoltori di caffè stanno abbandonando l'attività per concentrarsi su altre coltivazioni

La maggior parte dei terreni si trova in aree a basse altitudini, in climi caldi e secchi, come Brasile, Nicaragua e India. Un altro studio nel 2016 condotto dal Climate Institute afferma che circa il 50 percento delle aree coltivate a caffè saranno inadatte alla produzione entro il 2050, e che il caffè selvatico, la risorsa genetica usata dai ricercatori per sviluppare nuove varietà, potrebbe estinguersi entro il 2080.

Pubblicità

Il Brasile potrebbe perdere fino al 95 percento delle terre coltivabili a caffè Arabica entro il 2100.

Se queste date possono sembrare molto lontane nel tempo, per i ricercatori il problema è assolutamente urgente. "Senza dubbio questo sta già avendo un impatto sugli agricoltori," ha detto Christophe Montagnon, direttore scientifico del WCR. "Il cambiamento climatico aumenta i rischi per gli agricoltori, e con i prezzi bassi sul mercato, loro non sono pagati abbastanza per affrontare questi rischi. Di conseguenza, in molti casi, molti di loro stanno abbandonando l'attività per concentrarsi su altre coltivazioni, in India i coltivatori di Arabic stanno passando al Robusta, mentre in Kenya si stanno orientando sulle noci di macadamia e sul cacao in Nicaragua."

Piccola premessa per i meno esperti in materia: arabica e robusta sono le due specie di caffè principali. Robusta, come suggerisce il nome, è la varietà più resistente e con la resa maggiore, ma è utilizzata solo nelle miscele di bassa qualità. La pianta dell'Arabica, invece, è più delicata ma i suoi chicchi sono di qualità superiore.

Il destino del caffè Arabica, però, sembra davvero a rischio. Uno studio del 2015 dei ricercatori in Colombia, Nicaragua e Texas suggerisce che il Brasile potrebbe perdere fino al 95 percento delle terre coltivabili a caffè Arabica entro il 2100.

1543859733573-_MG_2302

Chicchi di caffè irregolari in fase di maturazione nella piantagione di Finca Takesi

Nella piantagione di Finca Takesi si coltiva solo Arabica, e una varietà molto costosa chiamata geisha. Mentre passeggiamo sulle colline della zona, James McLaughlin, presidente dell'Intelligentsia Coffee, ci fa notare quanto siano irregolari e disposti in modo non uniforme i chicchi sulle piante. "Questa coltivazione è uno scherzo della natura," dice. Alcuni chicchi sono grandi, rossi e morbidi. Altri sono verdi, piccoli e duri come sassi. Maturano a ritmo disomogeneo. "Raccoglierli dev'essere un incubo, dovrebbero raccogliere tutto l'anno," dice McLaughlin.

Pubblicità

È la terza volta che McLaughlin visita questa piantagione, il caffè prodotto qui è davvero fenomenale. La visita fa parte dei workshop organizzati da Intelligentsia, una sorta di TED conference sull'industria del caffè che si trasforma poi in una riunione di agricoltori di Intelli a livello globale. Mentre passeggiano tra le piantagioni, gli agricoltori venuti qui da tutto il mondo, persino dall'Etiopia, sono stupefatti dalle complicazioni logistiche che devono affrontare i produttori.

"Ogni volta che facciamo visita ai produttori, tutti segnalano problemi di siccità o piogge eccessive, o ondate di calore anomale, e questo ha un impatto sul raccolto," spiega McLaughlin. "L'Extraordinary Coffee Workshop è un'opportunità per gli agricoltori per parlare delle diverse tecniche che ognuno di loro utilizza per fare fronte a queste problematiche."

La soluzione più logica al cambiamento climatico sarebbe spostare le coltivazioni ad altitudini maggiori, ma non tutti hanno a disposizione terreni così elevati. E anche Takesi sente la pressione del cambiamento climatico.

1543859802409-_MG_2564

Rosa Chambi Corina riceve un premio per il suo contributo alla piantagione di Finca Takesi insieme a Mariana Iturralde, Carlos Iturralde, Michael Sheridan, e un cane.

"Abbiamo notato che sulle cime innevate del monte Mururata, che si vedono dalla nostra piantagione, c'è sempre meno neve ogni anno," dice Mariana Iturralde, manager di Finca Takesi. I mesi freddi e le precipitazioni sono sempre più imprevedibili, e questo ha avuto ripercussioni e ritardi sul raccolto e ha reso instabili le proiezioni economiche."

Pubblicità

Coltivare caffè a 2400 metri di altitudine non diventerà certo la norma nel breve termine, ma questa piantagione è rappresentativa della grossa minaccia che grava sull'industria e, al tempo stesso, offre una potenziale soluzione al problema. Le piogge imprevedibili hanno portato la ruggine della foglia del caffè (o Coffe Leaf Rust, CLR), una malattia che ha danneggiato e decimato la produzione di caffè in centro America a partire dal 2011. Secondo quanto stabilito dal WCR, nei cinque anni successivi, questa malattia ha colpito il 70 percento delle piantagioni, causato una perdita di profitti del valore di 3,2 miliardi di dollari ed è costata il posto di lavoro a 1,7 milioni di persone.

"Anche i coltivatori che sono stati risparmiati dalle conseguenze peggiori della CLR hanno dovuto far fronte ai cambiamenti climatici che hanno provocato la diffusione dalla malattia," dice Michael Sheridan, Direttore del reparto Sourcing and Shared Value di Intelligentsia. "Siccità, alte temperature e precipitazioni irregolari. Il punto principale qui è che la CLR è solo un sintomo, ma è quasi certo che in futuro ce ne saranno molti altri, ci aspetta una vera crisi."

La prima grande soluzione al problema risiede nell'economia dell'importazione. Quasi tutti gli importatori legano i propri prezzi al mercato delle commodities, dove i tassi sono recentemente precipitati sotto il dollaro. Dal momento che un dollaro è il costo della produzione, per i piccoli agricoltori è praticamente impossibile generare profitto.

Pubblicità

Il commercio diretto, invece, non è legato al mercato delle commodities, e questo permetterebbe agli agricoltori di conoscere già il prezzo per il caffè prodotto ogni anno. Il raccolto è sempre imprevedibile, ma con un prezzo già stabilito, gli agricoltori potrebbero prevedere il profitto e pianificare gli investimenti a lungo termine per far fronte al riscaldamento globale. WRC sottolinea quanto siano importanti le strategie a breve termine di riduzione del rischio, come irrigazione, alberi che facciano ombra, gestione del suolo e diversificazione delle sementi. Questi investimenti ingenti possono essere molto difficili da implementare senza la sicurezza di un prezzo fisso per il proprio prodotto.

Nuove regioni si stanno affacciando nel mondo del caffè. I grandi produttori come Brasile, Vietnam e Colombia dovranno cercare nuovi orizzonti. La Cina sta crescendo rapidamente come produttore di caffè, anche Birmania e Filippine stanno rilanciando la produzione di caffè locale

1543859844456-_MG_2400

Il Cafe Typica all'interno di Finca Takesi

L'organizzazione, inoltre, sta promuovendo nuove varietà di caffè ibrido F1, create per essere più resistenti al clima variabile, con alta qualità e un'ottima resa. I ricercatori stanno infatti lavorando a nuove specie con maggiore tolleranza del calore e climi secchi, come in Zambia. Gli agricoltori previdenti di Finca Takesi stanno prendendo sul serio alcuni di questi esperimenti, e hanno già piantato varietà Java e Catuai per studiare come questi nuovi tipi si adattano al microclima unico della regione.

Pubblicità

Per fortuna, WCR non è da sola nella ricerca. Il professore brasiliano Lucas Louzada fa notare come una semplice ricerca su Google Scholar, il portale di ricerca di letteratura accademica, restituisca oltre 5000 titoli pubblicati dal 2014 a oggi incentrati sui miglioramenti della pianta del caffè. "Nuove regioni si stanno affacciando nel mondo del caffè. I grandi produttori come Brasile, Vietnam e Colombia dovranno cercare nuovi orizzonti. La Cina sta crescendo rapidamente come produttore di caffè, anche Birmania e Filippine stanno rilanciando la produzione di caffè locale."

Come molti altri elementi del cambiamento climatico, gli effetti sull'industria del caffè possono apparire oggi come molto lontani nel tempo, e per questo la tentazione di ignorare per ora il problema potrebbe essere forte. Ma se consideriamo che la vita media di una piantagione di caffè è di circa 30 anni, i coltivatori che oggi sono alle prime armi, saranno quelli che dovranno mettere le basi per affrontare il grosso problema con cui l'industria si scontrerà nel 2050. Nonostante tutto, se le attuali previsioni sul clima venissero sottovalutate, potremmo davvero andare incontro a uno scenario tragico.

1543859862282-_MG_2313

I chicchi rossi sono quasi pronti a essere raccolti.

"Per dirla in termini molto semplici, a differenza di un essere umano, una piantagione non può semplicemente trasferirsi in un altro luogo. Come un albero, subisce tutte le conseguenze del cambiamento climatico dall'inizio alla fine della propria vita," spiega Montagnon del World Coffee Research. "Gli agricoltori possono mitigare gli effetti del clima gestendo l'irrigazione, piantando alberi che facciano ombra e diano sollievo alle piantagioni, questo potrebbe decisamente aiutare. Ma se il cambiamento è troppo grave, la pianta di caffè, nonostante gli sforzi, potrebbe non sopravvivere."

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.

Questo articolo è comparso originariamente su MUNCHIES US.