Le influencer su Instagram che non bevono mai acqua

Alise, Sophie e molte altre sostengono di avere rinunciato del tutto all'acqua, e che si idratano attraverso frutta e verdura.
27.2.20
Dieta no acqua su Instagram

"Sono convinta che non ci idratiamo dall'acqua—l'acqua lava e basta. Per cui se mangi cibo crudo e frutta, non hai bisogno di acqua"

Non puoi fuggire dall'algoritmo di Instagram. Progettato per propinarmi lo stesso tipo di contenuto che passo già ore a scrollare, il mio feed è pieno di influencer che tracannano tè dietetici e YouTuber con lo sguardo vacuo che mi fissano illuminati dal bagliore violaceo di un kit per sbiancarsi i denti.

Forse è per questo che di recente mi sono imbattuta nel profilo di Alise Miksta, che è pieno di foto di una vita da sogno passata a viaggiare per il mondo, insegnando yoga e levandosi il reggiseno in mezzo alla natura. Ma il profilo di Alise va un passo oltre il solito tema del "benessere" all'insegna di cibi crudi e meditazione: nell'estate del 2019, mentre vive ancora a Londra, Alise ha iniziato a raccontare sul social il suo regime "no acqua", per cui ha sostituito i fluidi con frutta ricca di acqua.

L'acqua in bottiglia è "probabilmente molto tossica e sporca," e le linee guida che consigliano di bere due litri di acqua al giorno sono "tutto marketing"

Questa astinenza dall'acqua andava a braccetto con momenti ripetuti di "dry fasting", dove Alise non mangiava niente per 24 ore. Uno dei suoi post recita: "Per la prima volta ho fatto un digiuno lungo 24 ore (tranne per 5 sorsi di tè verde intorno alle 11 di mattina, perché faceva freddo) e sono sconvolta."

"Io sono passata a una dieta crudista vegana, per cui mi idrato con acqua viva [tipo succo di melone e latte di cocco] dalla frutta, e ho smesso di bere acqua da bottigliette e rubinetto. È l'industria dell'acqua che ti dice di bere sempre"

Alise non è sola; segue un numero di account gestiti da donne che promuovono la stessa cosa, e sono tutte abbronzate, magre e impegnate a vivere una vita di passaggio in mete tipiche da anno sabbatico. Per loro, questo regime non sembra dannoso—ma gli esperti avvisano che promuovere queste scelte dietetiche potrebbe essere pericoloso per i loro follower, che sono migliaia. Alise ha 30 anni, è originaria della Lettonia e al momento vive a Dubai. Cinque anni fa è andata in un ashram in India dove un guru le ha detto che portarsi in giro una bottiglie di acqua è "la moda in Europa," aggiungendo: "Non hai bisogno di farlo." "Sono convinta che non ci idratiamo dall'acqua—l'acqua lava e basta," mi dice Alise. "Per cui se mangi cibo crudo e frutta, non hai bisogno di acqua."

Nonostante dica che l'acqua in bottiglia è "probabilmente molto tossica e sporca," e che le linee guida che consigliano di bere due litri di acqua al giorno sono "tutto marketing," Alise non ha rinunciato all'acqua del tutto, ma stima di aver ridotto la quantità assunta del 90 percento. Eliminare del tutto l'acqua è, invece, motivo di grande orgoglio per Sophie Prana, un'insegnante di yoga di 35 anni che sostiene di non aver toccato una goccia del liquido trasparente in un anno. Sophie è un'evangelista del "no acqua", e vuole spargere la voce tramite il suo account Instagram. La sua passione per ciò che promuove è chiara quando le parlo via WhatsApp , con la linea che va e viene dalla sua attuale casa in Thailandia.

"È la cosa migliore che ho mai fatto nella mia vita," dice. "Se [mangi] gli alimenti di una dieta occidentale normale, con tanto sale e grassi cotti, [non bere acqua] può essere molto pericoloso—ma io sono passata a una dieta crudista vegana, per cui mi idrato con acqua viva [tipo succo di melone e latte di cocco] dalla frutta, e ho smesso di bere acqua da bottigliette e rubinetto. Ti idrati con acqua viva perché non c'è niente nell'acqua in bottiglia. È l'industria dell'acqua che ti dice di bere sempre."

Per quanto il termine "acqua viva" possa suonare un po' una roba da startup di Gwyneth Paltrow—ha una sorta di fondamento scientifico. "Sappiamo che non prendiamo l'acqua solo da un bicchiere di acqua—arriva da fonti come il cetriolo, l'anguria e tutti questi cibi ricchi di acqua," spiega Haleh Moravej, professoressa di scienze nutrizionali alla Manchester Metropolitan University. In certe situazioni, come dopo l'attività fisica, prosegue, l'acqua dalle piante può ridare minerali che il corpo ha perso: "Un alimento come l'acqua del cetriolo può fare meglio [dell'acqua del rubinetto] agli elettroliti, perché quando fai sport perdi sali. Il cetriolo è una fonte migliore di potassio e può essere più benefico per l'idratazione dell'acqua [dopo lo sport]."

Ma, come spiega chiaramente Haleh, una persona media deve comunque ingerire fluidi oltre a mangiare questi alimenti. "Le due fonti principali di idratazione sono il latte e l'acqua—questo è quello che so dagli anni che ho dedicato a ricerche e studi," spiega. "Suggerirei alle persone: mangiate comunque dalle cinque alle dieci porzioni di frutta e verdura al giorno, ma inserite anche liquidi in forma di acqua o altri fluidi idratanti." La nozione che ci possa idratare esclusivamente "mangiando" acqua non è esclusiva delle giovani donne su Instagram. Il Dr. Howard Murad—professore di medicina alla UCLA, che si descrive come il "padre del benessere moderno"—ha scritto un libro intitolato The Water Secret, in cui sostiene che mangiare più cibi ricci d'acqua è preferibile a limitarsi a bere più acqua. Il Dr. Murad parte dal principio che bere troppa acqua può diluire le vitamine e i minerali portando il corpo a espellerli, mentre l'acqua contenuta nel cibo—così come "vitamine, minerali, enzimi, antiossidanti [e] fitonutrienti" presenti—può essere assorbita più lentamente e restare più a lungo nel corpo. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori alla Aberdeen Medical School è arrivato a conclusioni simili.

"Sconsiglio vivamente alle persone di smettere di bere acqua del tutto. Abbiamo bisogno di acqua per scomporre le sostanze nutritive, ne abbiamo bisogno per il metabolismo"

"Lo scopo di ingerire acqua è mantenere idratate le cellule—cosa che fai meglio se mangi acqua, che viene poi rilasciata lentamente mentre il cibo che la contiene viene digerito, anziché tutta in una volta, come succede quando bevi acqua," mi spiega il dr. Murad. "A meno che non sei disidratato per il caldo o l'attività fisica o una malattia, l'acqua passerà attraverso il tuo corpo e basta."

Ho chiesto a Elaine Anderson, dietista freelance che lavora nell'industria da dieci anni, e ad Haleh Moravej se sono a conoscenza di qualche studio che sostenga l'idea di rinunciare del tutto all'acqua. Hanno detto entrambe no, sottolineando che va contro le linee guida delle istituzioni sanitarie—comprese OMS, Harvard Medical School e qualsiasi altro sito dedicato alla salute.

"Sconsiglio vivamente alle persone di smettere di bere acqua del tutto," dice Haleh. "Il nostro intero corpo è fatto per il 70 percento di acqua… è un disastro annunciato. L'idratazione è importante per la concentrazione, l'umore e il benessere, così come l'attività fisica. Abbiamo bisogno di acqua per scomporre le sostanze nutritive, ne abbiamo bisogno per il metabolismo […] Ci sono molti fattori che indicano che la disidratazione non fa bene."

Nonostante la scienza, o la mancanza di scienza, sia Sophie che Alise dicono di non aver avuto alcun problema. "Ho smesso di mangiare sale o olii," dice Sophie. "Vivo di frutta ricca d'acqua o verdure—e questo, insieme ai digiuni totali, è molto salutare per il tuo corpo. Le persone sono sconvolte quando sentono che non bevo, ma c'è tutta una scienza a sostegno e quando le persone capiscono cambia tutto."

Lo shock a cui si riferisce Sophie è comprensibile: dopo la nostra prima conversazione, Elaine dice che ogni dietista con cui parla dell'argomento esprime una certa sorpresa. Aggiunge che non ha mai sentito di nessuno che rinunciasse volontariamente all'acqua per ragioni di salute, dicendomi che gli esseri umani ne hanno bisogno di trasportare minerali e rimuovere le tossine dal corpo.

Questo prima di parlare dei digiuni totali, una scelta che Sophie, Alise e molte altre influencer su Instagram si impongono con rigore. Il digiuno totale significa resistere senza cibo e acqua per un periodo che va dalle 12 ore ai dieci giorni. Diverse religioni lo utilizzano come pratica di fede, e l'hanno fatto per secoli, ma affamarsi per scopi di benessere è una moda relativamente recente—e una cosa che i professionisti non reputano particolarmente furba da fare, specialmente se di base hai una dieta fatta solo di cibi ricchi di acqua.

Alise è convinta che il cibo sia "una distrazione e una dipendenza." Nelle sue parole: "Penso che ci sia qualcosa di più importante [nella vita] di fare colazione, pranzo e cena e andare a lavorare"

Diversi studi suggeriscono che ci sono dei benefici nel "digiuno intermittente"—quando non consumi cibo per un tempo variabile tra le 16 e le 24 ore—se sei in salute. Ad ogni modo, molti di questi studi prendevano in esame piccoli campioni, su tempi brevi o erano condotti sugli animali, ed è stato sottolineato che il digiuno intermittente può essere pericoloso se sei un soggetto sottopeso o hai sofferto di disturbi alimentari.

Se intendi digiunare per più di 24 ore, molti siti raccomandano di chiedere consiglio a un medico. Di nuovo, alcuni studi ritengono che esistano benefici nel digiuno prolungato per alcune persone, ma in uno studio compiuto su 768 persone in digiuno per almeno 48 ore, il 72 percento dei partecipanti ha riscontrato effetti collaterali come fatica, insonnia e vertigini. I gruppi a cui è sconsigliata questa pratica comprendono anche persone che soffrono di disturbi alimentari e chi ha il diabete di tipo 1 o la pressione sanguigna bassa, chi assume determinati farmaci e le donne che stanno cercando di concepire, sono già incinte o stanno allattando.

Pubblicità

Il fatto che il digiuno sia promosso sui social media è doppiamente preoccupante, considerati i collegamenti tra Instagram e i disturbi alimentari, o il problema di chi usa il "benessere" per mascherare un disturbo alimentare. Inseguire ossessivamente il benessere può di per sé portare a una nuova condizione, chiamata "ortoressia," e definita dalla National Eating Disorders Association come "un'ossessione malsana per ciò che è altrimenti definito come mangiare sano."

Elaine non è favorevole ai periodi prolungati di digiuno totale, descrivendoli come "spaventosi" ed enfatizzando la mancanza di prove scientifiche a sostegno dei presunti benefici di salute. Dice che i lunghi periodi di digiuno possono portare a disidratazione, ipotensione, stanchezza e mal di testa forti, per non parlare degli effetti a lungo termine sui reni. Sophie pratica il "digiuno intermittente" tra le 18:00 e le 11:00 di mattina ogni giorno, dicendo che la prima volta che l'ha fatto ha "chiesto all'universo aiuto" e ha poi esperito "una guarigione estrema." Alise pratica periodi di digiuno più lunghi, ed è convinta che il cibo sia "una distrazione e una dipendenza." Nelle sue parole: "Penso che ci sia qualcosa di più importante [nella vita] di fare colazione, pranzo e cena e andare a lavorare."

Chiaramente, lo stile di vita condotto da Sophie, Alise e altri non sta provocando loro troppi problemi nell'immediato, altrimenti non vivrebbero come fanno. Eppure, promuovere attivamente queste scelte di dieta come una strada che conduce al "benessere"—con poche informazioni di contesto o consiglio chiari su come farlo in sicurezza—è dove sorge il vero aspetto problematico. Come spiega Elaine, "no water" è usato spesso come hashtag nei post sul "mangiare cose giuste, vivere sani e all'insegna del 'benessere'." Il pericolo è che associare "non bere alcun liquido" con così tanti altri suggerimenti benintenzionati su come migliorarsi tiene aperta la porta a fraintendimenti e espone l'idea a un pubblico sempre in crescita di persone che cercano nuovi modi di stare "bene."

A meno che non viviate la vita da sogno che persone come Sophie e Alise hanno creato per se stesse, è difficile avere accesso a succo di melone fresco tutti i giorni o il tempo per frullare un chilo di uva per colazione. Frutta e verdura ricca d'acqua possono fornire idratazione—ma questo non significa che qualche utente sui social non leggerà "no acqua" e interpreterà il regime eliminando l'acqua senza sostituire in alcun modo i liquidi persi. Per metterla in parole semplici: una ragazza adolescente potrebbe vedere queste foto luccicanti su Instagram e smettere semplicemente di bere, nonostante abbia una vita completamente diversa da quella delle donne dentro lo schermo del suo telefono.

Quando chiedo ad entrambe le mie interlocutrici se hanno riscontrato situazioni pericolose nel loro percorso, nessuna delle due sembrava preoccupata. Alise dice che sta a ognuno prendere ciò che vuole da Instagram, "hai uno strumento e prendi delle decisioni su come vuoi usarlo." Sophie è chiara rispetto al fatto che il suo Instagram non dovrebbe spingere nessuno a pensare che "no acqua" e digiuno totale siano cure miracolose che ti cambiano la vita in una notte—e dice che, quando qualcuno la contatta per chiederle consiglio, lei insiste che questa transizione di dieta deve essere fatta lentamente e con molta attenzione. Neanche il dr. Murad sembra preoccupato. "Non penso che le persone vedranno scritto 'no water' e smetteranno di bere di colpo," mi dice. "Il senso di sete del loro corpo li spingerà a farlo."

"Quando si parla di salute, la commistione di potere e credibilità trova applicazioni potenzialmente pericolose. Non stai rischiando di comprare un vestito di poliestere scadente—potresti subire danni al fegato o indebolire il cuore"

Ma Instagram può essere una presenza incredibilmente persuasiva nella vita delle persone, anche se chi seguono non sta cercando attivamente di convicerli a fare qualcosa. "I contenuti shock legati alla salute possono creare un senso di curiosità e coinvolgimento," mi spiega un portavoce della agenzia di Londra Digital Fairy. "Quando si parla di salute, la commistione di potere e credibilità trova applicazioni potenzialmente pericolose. Non stai rischiando di comprare un vestito di poliestere scadente—potresti subire danni al fegato o indebolire il cuore."

E questo è il punto. Fare scelte di dieta personali è un conto—ma predicarle a un esercito di follower su Instagram che potrebbero non avere gli strumenti per replicarle senza il dovuto contesto è irresponsabile e potenzialmente pericoloso. La scienza a sostegno del "mangiare" l'acqua che ti serve sotto forma di frutta e verdure è limitata, nonostante la mole di libri, blog e account Instagram dedicati alla causa. Così, in un'era in cui buone pose in foto, migliaia di follower e una forte personalità bastano a conferire legittimità, serve uno sguardo più severo su chiunque promuova una cura a tutto che potrebbe essere dannosa.

@emiliabona

Questo articolo è originariamente apparso anche su VICE UK.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram.