FYI.

This story is over 5 years old.

"Ejecta è sempre nuda perché si è persa nello spaziotempo"

Etereo, strano, sognante... è il debutto degli Ejecta, la nuova bizzarra creatura di Joel Ford e Leanne Macomber
12.12.13

Intervistare gli Ejecta non è proprio la cosa più facile al mondo. Quando, all’inizio di novembre, è uscito il loro album di debutto Dominae, Leanne Macomber e Joel Ford avevano a malapena fatto un tour o un’intervista. Per questo articolo hanno preferito rispondere alle domande via mail, per guadagnare tempo e decidere chi avrebbe raccontato cosa sulla storia della band. Quando è arrivato il momento di fare le foto, Joel era troppo occupato per arrivare in tempo. E quando è arrivato il promo dell’album, è arrivato in forma di uno stream sgranato su un sito che il mio browser si è rifiutato con tutto il cuore di aprire per una settimana.

Pubblicità

Durante tutto questo processo, sia Joel che Leanne sono stati tanto accomodanti—per email e messaggio—quanto divertenti e gradevoli, per cui non avevo dubbi che le loro ragioni fossero oneste. Leanne è una nativa del Texas trasferitasi a New York, componente per molto tempo di Neon Indian e Fight Bite, mentre Joel è metà di Ford & Lopatin. I due si sono incontrati in tournee e sono rientrati in contatto una volta tornati a casa a Brooklyn, dove Leanne lavora anche come cameriera (mi ha scritto un messaggio il giorno in cui ha servito il pranzo ad Annie “St.Vincent” Clark), ed Ejecta è nato sulla base di interessi condivisi, con un certo senso di inevitabilità cosmica.

Ho fatto delle foto a Leanne durante una recente giornata piovosa in un soggiorno di Brooklyn preso in prestito. Una volta lì, mi ha spiegato uno dei parametri chiave di Ejecta: Leanne non verrà vista con indosso alcun oggetto o vestito, ne promo della band. Avrei quindi dovuto fotografarla nuda. Perché ? Pensatela come una situazione alla Rihanna, ma al contrario. Leanne ha deciso di essere nuda, così da non essere istantaneamente catalogata in base a ciò che indossa. Non sarà mai quel tipo di cantante che si riconosce prima ancora di sentire una sua canzone.

E le canzoni sono favolose, a proposito. Quando le ho finalmente ascoltate, sono stato contento di aver perseverato. Il loro è un synth-pop lussureggiante, con vocals di gran respiro e dall’ esecuzione singolare, piene di lirismo casalingo—da una casa che sta in un altro pianeta, però. Salta fuori quindi che Ejecta non è tanto una band quanto un personaggio e, anche se le foto sono state scattate di persona, l’intervista è stata fatta via Internet. Grazie Internet!

Noisey: Vi siete incontrati in tour. Vi ricordate il momento esatto?
Leanne Macomber: Ci siamo incontrati a Salt Lake City in un locale vegetariano dalla politica “No alcool! No pogo!”. Joel sembrava facesse parte di una gang di motociclisti e io ero vestita come Peter Pan con una parrucca viola. Si beveva tequila e birra dei Mormoni, in segreto.
Joel Ford: Questo non è assolutamente vero. La prima volta che ci siamo incontrati è stato a Denver, al Larimer Lounge. Mi avevi raccontato che la sera prima un tizio ti aveva palpata appena scesa dal palco. Lo show di Salt Lake era stato pazzesco, però. C'era gente di tutte le età, e vibrazioni strane. Ricordo anche un odore tremendo.

Quali sono le influenze che vi hanno portato a collaborare e a fare questo disco?
Leanne: Entrambi amiamo la musica pop romantica e l'elettronica underground. Una combinazione schizofrenica tra la radio di tuo padre e la collezione di dischi del tuo cugino alcoolista: da Gainsbourg ai Death in June.
Joel: Ho chiesto a Leanne di mandarmi della musica per la prima volta anni dopo che ci siamo conosciuti. Non l’avevo mai sentita cantare, ma sapevo che volevo fare musica elettronica con una vocalist donna. Mi ha mandato dei demo e sono rimasto senza fiato. La prima volta che abbiamo registrato qualcosa a Brooklyn, era spaventata, perché eravamo in un “vero” studio. Ho riso e le ho assicurato che sarebbe andata bene. Mi sembra che abbiamo registrato cinque delle dieci tracce vocali di Dominae quel giorno. Quasi sempre ci azzeccava al primo tentativo: un’esecuzione vocale super precisa e stilosa.

EJECTA

Una selfie di Joel! Ciao Joel! Alcune di queste canzoni hanno tre anni. Come ti senti quando quelle canzoni entrano finalmente in circolazione? Come sono cambiate?Leanne: Leanne: È emozionante quando qualcuno all’infuori di te riesce a vedere oltre la goffaggine nebulosa di una demo e a dargli nuova vita. “Mistress” ha sette anni. Quando ho iniziato a condividere con Joel le mie registrazioni viscerali e disordinate, non avevo idea di cosa avesse visto in esse. È un musicista molto raffinato, molto abile e all’avanguardia. Io sono una idealista fanatica delle tastiere giocattolo, e dei metodi di registrazione antichi. Sulla carta diresti che l’unica collaborazione di cui saremmo capaci sarebbe di ucciderci a vicenda.
Joel: Non mi oppongo al doppio suicidio, ma lo scenario dovrebbe implicare una macchina che precipita da un dirupo.

Quando è stato registrato l’album? Potete farmi una cronologia che dia più o meno l’idea di quando è stato iniziato il disco e di quando si è considerato finito?
Joel: Ci sono voluti 14 mesi in cinque “studi” diversi per finire Dominae. Io ero ad Asheville, NC, e Leanne era da qualche parte in Texas. Abbiamo lavorato in camere da letto, coi portatili, e in studi di registrazione veramente belli. Abbiamo usato attrezzatura molto costosa così come dell’equipaggiamento in pessimo stato, qualsiasi cosa avessimo a disposizione. Dopo essere passati allo studio di registrazione ed esserci presi una pausa per fare una session con un altro progetto ad LA, ho perso un po’ dei file e ho dovuto ricostruire una delle session. Ero distrutto, ma la traccia alla fine suonava meravigliosa, e diversa da quanto avevamo originariamente pianificato.

EJECTA

Come pensate sarà il tour di quest’album?
Joel: Abbiamo fatto i primi concerti di quest’anno al CMJ. È stato davvero figo. Ejecta dal vivo è un trio con percussioni live, io suono il basso e mi occupo dell’elettronica, Leanne canta e suona la chitarra. Lo show è super dinamico e completa bene il disco. Qualcuno ci ha detto che siamo simili agli OMD, che per me è stato un complimento fantastico. Ci sono state un sacco di richieste, per cui stiamo organizzando un tour sia negli USA che in Europa per il 2014.

Leanne mi ha parlato di come ha iniziato ad appassionarsi di musica fin dai suoi primi anni i Texas. Potresti spiegarmi meglio? E Joel, hai un qualche aneddoto che spieghi come la tua infanzia ti abbia portato alla musica? Mi sembra che in entrambi i casi centri lo sport!
Leanne: Leanne: Come molti altri Texani, sono una musicista grazie al football del liceo. Il fervore che lo circonda gonfia giustamente l’importanza dei programmi musicali scolastici: ovviamente una squadra deve avere una bella banda che marci in caso di vittoria. I miei genitori erano piuttosto severi, la banda ha dato validità ai loro occhi alla mia ossessione per la musica, senza la quale sono sicura che non avrei avuto la libertà di suonare in garage band sudate e chiassose!
Joel: Entrambi i miei genitori erano inizialmente musicisti d'orchestra e sono stato leggermente spinto alla musica classica e alla tromba quand’ero bambino. Ho suonato per 14 anni, ma ho finito per odiarla. Ho iniziato ad infoiarmi con jazz e funk e ho imparato a suonare la chitarra e il basso da autodidatta negli anni del liceo. Ho iniziato a divertirmi con l'MPC e i campioni verso l’ultimo anno e durate i primi tempi al college. Non ho mai avuto i mezzi per registrare veri e propri dischi fino a circa sei anni fa.

EJECTA

Leanne, mi piacciono molto i motivi per cui credi che Ejecta debba essere fotografata senza vestiti o altri oggetti. Potresti rispiegarmeli?
Leanne: Ejecta è un termine della vulcanologia, ha a che fare con le particelle che vengono rigurgitate fuori per poi depositarsi un’altra volta. Una della tante abitudini distruttive cicliche, ma generatrici di vita, che ha questo pianeta. Dominae è stato registrato in un momento di respiro dopo anni di tour. Una sorta di rinascita. Ejecta è sempre nuda perché è eternamente dispersa nello spaziotempo, come mi sono sentita io crescendo in un contesto militare per poi scegliere un’esistenza nomadica on the road. Nuda, non mostra alcun indicatore di classe, cultura o sessualità. Ejecta è chiunque tu vuoi che sia.

Dunque Ejecta è un personaggio che indossi per il gruppo.

Pubblicità

Leanne:

La musica è una via di fuga per me. Queste canzoni hanno diversi toni, leggeri o melodrammatici, ma le trovo in generale veramente struggenti. Ho pianto tantissimo mentre scrivevo “Tempest”. Ejecta è un personaggio su cui deviare alcuni di questi pensieri così personali, con cui rendere più universale la mia voce, anche se ogni parola potrebbe essere stata presa dal mio diario. È una donna qualunque che canta canzoni sulla perdita, l’amarezza, la confusione, ecc. Mi fa sentire meno esposta.

Puoi dirmi qualcosa delle altre cose a cui state lavorando insieme?
Leanne: Ho un progetto con cui sto registrando chiamato Fight Bite. Facciamo sempre musica, seppur con una lentezza dolorosa.
Joel: Sono super impegnato con la mia nuova etichetta Driftless Recordings, ma sto anche lavorando a un po’ di nuove produzioni. Airbird & Napolian faranno un disco per Cascine l’anno prossimo, io sto mixando l’Lp Megafortress. Sto anche lavorando a delle tracce con Alan Braxe, e a breve pubblicherò una serie di remix. Leanne ed io siamo ancora super entusiasti della nostra collaborazione, e abbiamo appena iniziato a lavorare a nuove tracce per Ejecta.

Dominae è uscito su Driftless Recordings.