L'unico modo di salvare davvero le anguille è mangiarle

L'unico modo di salvare davvero le anguille è mangiarle

Ho incontrato i pescatori olandesi che sperano di dare alle anguille una speranza per il futuro.

Un'anguilla dorata compare nello stemma comunale di Heeg, una cittadina nella provincia olandese di Friesland. L'anguilla era la maggior fonte di ricchezza per la popolazione locale. Dal 17esimo secolo fino al 1914, questo paese si occupava di esportare le anguille a Londra, dove poi gli inglesi le trasformavano in fishpies (n.d.t. una sorta di sformato di patate, formaggio e pesce, tipico della cultura culinaria anglossasone). Per volere del re, i pescatori di anguille avevano persino il loro attracco sulle rive del Tamigi, vicino a dove sarebbe poi stato costruito il Tower Bridge. Ai giorni nostri gli ultimi pescatori di anguille a Londra, spediscono la maggior parte del pesce in Olanda, che è uno dei pochi stati, che ancora considera l'anguilla una prelibatezza.

Pubblicità

Non sono rimaste molte anguille nelle acque olandesi, e anche ad Heeg, c'è un solo un pescatore di anguille: Freerk Visserman. Se quando senti la parola “pescatore”, pensi ad un uomo vecchio, zoppo e con una lunga barba grigia, mi dispiace dirti che Visserman non è quel tipo. Ha 35 anni ma sembra ancora più giovane. Un cappello copre metà dei suoi capelli ricci biondi e sembra più un surfista, che un pescatore tradizionale.

Freerk Visserman bij de vrachtwagen

Freerk Visserman, a destra. Foto dell'autore.

Secondo Visserman, dobbiamo continuare a mangiare anguilla, per salvarla. “Solo in questo modo avrà valore per l’economia” , dice, “e i soldi saranno spesi per tutelarle”. Attualmente, biologi e scienziati dipendono dai pescatori per sapere quante anguille sono rimaste.

Visserman ama parlare delle anguille. Ha ampliato la sua piccola attività di pesca con visite ai laghi di Frysian, una visita guidata al museo della lavorazione del legno (che comprende una replica di una vecchia nave per la pesca dell'anguilla, come quelle usate un tempo nel Tamigi) ed escursioni alle feste locali dedicate all'affumicatura dell'anguilla su di un'isola chiamata Hegemer. Fa un po' di soldi come guida di queste escursioni, ma soprattutto gli piace spiegare l'importanza dell'anguilla alle persone e condividere la storia della pesca dell'anguilla nei Paesi Bassi.

Chiamo Visserman perché voglio fare una di queste escursioni con lui. Visserman ha un'idea migliore: "Andiamo in un lago nella riserva naturale di Veluwe per rimettere in libertà 1.000 anguille, sarà davvero speciale".

Pubblicità

Per incrementare l'esiguo numero di anguille nelle acque olandesi, Dupan, una no profit olandese (che sta per Stichting Duurzame Paling Nederlalnd, o No profit per l'anguilla sostenibile nei Paesi Bassi) sta dando una mano. Il governo olandese stanzia 1,5 milioni di euro ogni anno per ripopolare le anguille. Alla fine della stagione di pesca, le anguille vengono liberate in diversi luoghi nei Paesi Bassi.

nieuwoud-heeg-friesland

Incontro Visserman nel porto di Harderwijk, vicino alla compagnia di pescatori di Jan Foppen. Jan ha una grande barca, che ci porterà sul lago. È anche pescatore di anguille, ma alterna le sue mansioni di pesca con l'importazione e l'esportazione di salmone.

Oltre a Visserman e Foppen, ho incontrato Magnus van der Meer e Dirk Meijvogel. Meijvogel è amico di Foppen e si è unito a noi per aiutarci a liberare le anguille, proprio come me. Una volta era un pescatore, un discendente di una lunga tradizione di pescatori della città costiera di Katwijk, ma pochi anni fa ha trovato Dio ed ora è un predicatore. Un piccolo tatuaggio di un'ancora che ha tatuato con un ago sull'avambraccio, quando aveva solo 14 anni, gli ricorda il suo passato.

Van der Meer lavora come consulente nella gestione della pesca e conosce molto sul cibo per pesci. Lavora come freelance per Dupan. "L'Olanda è un delta inaccessibile- nulla entra o esce. È per questo che stiamo aiutando un po' le anguille. Vengono catturate in mare e alimentate in acqua dolce fino a quando sono belle e grasse. Una parte di queste vengono poi rimesse in libertà, in modo che possano tornare al Triangolo delle Bermuda, dove si riproducono".

Pubblicità
ontsnapte paling

Per molte ragioni, l'anguilla è stata abbandonata per anni. Secondo Foppen, gli olandesi negli ultimi 25 anni, hanno spedito tra 100.000 e 150.000 anguille in Asia, sebbene l'esportazione dall'Unione Europea ora sia vietata.

La città di Amsterdam ha scaricato acqua sporca nel vicino lago IJsselmeer per anni, ed è stato permesso agli agricoltori di spargere il loro letame sulla terra. Questo ha aggiunto preziose sostanze nutritive all'acqua, che è quindi diventato fertile. Le alghe sono cresciute, attirando insetti, che a loro volta attiravano piccoli pesci come lo smelt (n.d.t.un pesce di piccola taglia che somiglia un po' alla trota, che vive lungo la costa e si riproduce nei fiumi). Le anguille amano cibarsi di smelt.

Secondo Van der Meer, le anguille hanno migliorato la loro condizione, quando l'acqua nell'IJsselmeer è diventata più fresca dopo il completamento della grande diga di Afsluitdijk, che separava il lago dal mare. "Nel momento in cui cambi qualcosa nell'ecosistema, gli opportunisti prendono il sopravvento", dice van der Meer. "Non è stata solo l'anguilla a trarne beneficio, ma hanno iniziato anche a spuntare enormi sciami di zanzare".

Fortunatamente, le giovani anguille amano le larve di zanzara. Negli anni '60 e '70 c'erano più anguille che mai. Dupan, ora, sta cercando di raggiungere ancora lo stesso livello.

Freerk op de boot

Dalla destra: Visserman, Jan Foppen e Dirk Meijvogel.

Inoltre, molte zone in Europa stanno cercando di allevare anguille. La città di Volendam sta facendo un tentativo, così come gli allevamenti ittici in Germania e Danimarca. "Ho sentito che stanno ottenendo buoni risultati a Volendam", afferma Foppen. "Sono stati in grado di creare giovani larve che mangiano i loro gusci d'uovo. Dopo di che, però, non mangeranno altro, nessun altro pesce (tranne l'anguilla) è così tenace nel rifiutare di mangiare."Il salmone, invece, esce dal suo uovo e inizia a mangiare subito. Foppen sa esattamente come allevare una certa quantità di salmone in un determinato periodo di tempo. Ma questo metodo non funziona con le anguille”.

Pubblicità

"Questo progetto a Volendam vola alto, a mio parere", afferma Visserman. "Stanno spendendo miliardi per questo, stanno sperimentando nei laboratori con gli effetti di luce, oscurità e correnti più veloci e Dio solo sa cosa, ma non può funzionare. Sarebbe divertente se non fosse così follemente costoso."

Chiedo a Visserman qual è la differenza tra un'anguilla selvatica ed una che è stata allevata. "Il gusto", insiste. "Un po' come la differenza tra le uova di un pollo ruspante e quelle d'allevamento, non tutti potranno assaporare la differenza, ma un esperto sì. L'anguilla selvatica deve procurarsi i propri pasti, il risultato sarà una dieta variegata: anche il suolo e l'acqua giustificano la differenza di sapore”.

jan foppen jr met paling

Jan Foppen Jr. salta un giorno di scuola per aiutare a rimettere in libertà le anguilla

All'improvviso appare una piccola sagoma rotonda in cerata e stivali da pioggia. È il figlio di Foppen di otto anni, anche lui si chiama Jan. Sono un po' frastornato, circondato non da uno, ma da ben due Jan Foppens. I lati della testa del piccolo Jan sono rasati proprio come quelli di suo padre, ed entrambi hanno un ciuffo di capelli proprio in cima alla loro testa. Little Jan è rimasto a casa da scuola perché non ha mai assistito alla liberazione dell'anguilla.

Scarichiamo le anguille dall'autocisterna alla barca. Il sole splende e l'acqua del lago è calma. Tutti indossano cerate. Io come un pugno nell'occhio, nei miei abiti da città e scarpe di cuoio.

Quindi trasferiamo di nuovo il pesce, questa volta su una barca ancora più piccola, e andiamo in direzione della riva. Usando piccole reti da pesca, gettiamo le anguille a mare. È come intingere la mia rete in un enorme nodo in movimento (le anguille sono tutte aggrovigliate tra loro). Gli scivolosi animali strisciano uno sotto e uno sopra all'altro, al rallentatore. Mentre li raccolgo dalla loro vasca, l'acqua sgorga dal pavimento della barca. Le mie scarpe in pochi minuti sono bagnate fradicie.

Pubblicità
janfoppen met paling

Negli anni Jan Foppen ha imparato il giusto modo di afferrare un'anguilla

Chiedo a Visserman cosa gli piace della pesca dell'anguilla che è così interessante per lui.

"Lavoravo come meccanico e mi piaceva, poi quando sono arrivati i computer, tutto è diventato troppo facile. Si notava subito cosa c'era che non andava, era troppo noioso. A quanto pare stavo cercando qualcosa di un po' più concreto - Dopo aver viaggiato per un po', sono andato da mio padre e gli ho detto che volevo sostituirlo negli affari, e questo lo ha davvero sorpreso. "

Andiamo avanti e indietro un paio di volte sulla barca. Abbiamo a che fare con migliaia di anguille e non possono adattarsi tutte contemporaneamente. Fortunatamente, il tempo è bello.

opafoppen-rookt-paling

Mentre eravamo fuori in barca, Jan Foppen era impegnato ad affumicare del pesce.

La prossima volta che la piccola imbarcazione si allontana per andare a liberare più anguille, il piccolo Jan ed io restiamo sulla grande barca e la guidiamo intorno al lago. Il ragazzo si siede sulla sedia del capitano in ginocchio e controlla la barca come se fosse una bicicletta. Una volta ha portato tutta la sua classe in acqua. A un certo punto, abbiamo colpito duramente il fondo del lago, e mi sono spaventato. "Non preoccuparti", mi dice il piccolo Jan mentre fa il backup della barca come un professionista. Mentre la giornata volge al termine, torniamo al porto.

Una volta che mettiamo piede sulla terra, il Foppen più anziano ci informa che il cibo per noi è pronto.

Spogliamo le anguille affumicate della loro pelle e divoriamo grossi pezzi di pesce dall'osso. Ce n'è ancora abbastanza per tutti, e mangiamo come se non ci fosse un domani.

Segui MUNCHIES Italia anche su Facebook e Instagram


Questo articolo è apparso originariamente su MUNCHIES NL nel settembre 2015.