Pubblicità
Salute

Sono depresso o solo tremendamente triste?

A volte, può capitare di prendere una cosa per l'altra. Ecco come riconoscerle.

di Michelle Malia
08 aprile 2019, 6:00am

Foto di Zakaria Ahada via Unsplash.

Non è così raro pensare di essere depressi quando si è tristi, oppure pensare di esseri tristi quando in realtà si è depressi. Confondere le due cose è possibile, perché entrambe sono perlopiù caratterizzate da un calo dell’umore. “Non è affatto l’unica caratteristica, ma associamo la depressione a uno stato d'animo triste,” dice Guy Winch, psicologo di New York e autore di Emotional First Aid: Healing Rejection, Guilt, Failure, and Other Everyday Hurts. “Però non sono la stessa cosa.”

Certo, capita di affrontare periodi più duri sul lavoro o nelle relazioni e definirsi per questo "un po' depressi"—ma come si fa a distinguere tra l'ordinaria tristezza e la depressione?

Prima di tutto, bisogna pensare all'ultima volta che ci si è sentiti tristi. A cosa era dovuta quella sensazione? Magari un lutto, o magari un amico stretto che ti aveva ferito con qualche commento. Qualunque cosa fosse, probabilmente era dovuta a qualcosa. “La tristezza è una normale emozione umana,” dice Marwa Azab, docente di psicologia alla California State University. “È una risposta sana a qualsiasi tipo di perdita, risultato deludente o commento offensivo.”

La tristezza può andare e venire rapidamente; di solito svanisce una volta superata la cosa che l’aveva causata. La depressione invece può avvelenare l’umore e altri aspetti della vita senza motivo apparente—e non se ne va dopo poco. “È un'esperienza molto più totalizzante,” afferma Winch. “È uno stato emotivo anormale che influisce sui nostri pensieri, sentimenti, percezioni e comportamenti. Lo fa sia in modo sottile che palese."

Secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, per essere diagnosticati con una depressione maggiore è necessario sperimentare o uno stato d'animo triste, depresso o una perdita di piacere per le cose che una volta ci portavano gioia. Inoltre, bisogna mostrare almeno altri quattro sintomi sulla lista, che includono cose come stanchezza, mancanza di concentrazione, dormire troppo o troppo poco, pensieri suicidi, cambiamenti nell'appetito o nel peso, e movimenti o discorsi rallentati. Se si verificano questi sintomi per almeno due settimane, è più probabile che venga diagnosticata una depressione.

Ogni persona manifesta la malattia in modo diverso. Potresti piangere tutto il giorno o non sentire assolutamente niente. “È come la nostra visione passasse attraverso un filtro grigio e tutti i colori e la vivacità della vita venissero risucchiati,” dice Winch. “Ci resta questa visione blanda del mondo in cui ci sentiamo non coinvolti e disinteressati alle cose di cui prima ci importava."

Ci sono fattori che aumentano il rischio di depressione, come la genetica—uno studio recente ha rilevato che il rischio raddoppia se uno dei tuoi genitori è stato depresso. Le possibilità aumentano anche se hai subito abusi, violenze o vissuto in povertà, se hai una visione pessimistica o una bassa autostima.

C'è differenza tra tristezza e depressione anche a livello neurologico. Nel cervello delle persone depresse arriva più sangue all'amigdala, il centro della paura nel cervello, dice Azab. “Quindi non sorprende che una persona con depressione possa essere molto più concentrata sul negativo, perché il centro della paura è iperattivato,” dice.

Ma i sintomi, aggiunge, possono essere spiegati anche squilibri chimici. La depressione è legata a livelli più bassi di serotonina, che regola il sonno; di dopamina, che controlla i centri per la gratificazione e il piacere del cervello; e di epinefrina, aka l’adrenalina, che ha a che fare con l’istinto di sopravvivenza in situazioni di pericolo.

Per ottenere una vera diagnosi bisogna tuttavia rivolgersi a uno psicologo o un professionista medico—che non è mai una cattiva idea, considerando che la terapia psicologica è uno dei trattamenti più comuni per la depressione.

I pensieri suicidi non vanno mai ignorati, ma se i sintomi sono relativamente lievi e non si riesce a deciderti a chiedere aiuto, si possono adottare alcuni accorgimenti, secondo Winch, per cercare di migliorare l'umore. Winch consiglia di fare attività cardio quattro volte a settimana (è una questione molto discussa, ma la ricerca dimostra che può essere utile contro i sintomi depressivi e può persino prevenire episodi futuri). Suggerisce anche di partecipare ad attività piacevoli per il soggetto—come cucinare o semplicemente incontrarsi con gli amici—anche magari se la voglia è poca.

In ogni caso, mai starsene in casa avviliti tutto il giorno. “È la cosa peggiore che si possa fare, perché ti accompagna uno stato mentale negativo,” dice Winch, il cui TED Talk spiega l'importanza di una buona “igiene emotiva”. Azab consiglia di seguire una dieta sana, cercando di fare dalle sette alle otto ore di sonno a notte, e impegnarsi a ridurre l’influenza di fattori psicologici come l'insoddisfazione sul lavoro e la vicinanza a persone tossiche (più facile a dirsi che a farsi, ovviamente).

Se dopo una settimana o due nessuno di questi accorgimenti ha un effetto positivo sull’umore, meglio fissare un appuntamento con un medico.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .