Pubblicità
Stuff

Perché il "Viagra per donne" non è una buona idea

L'Addyi è stato appena approvato dalla Food and Drug Administation ed già stato acclamato come il nuovo "viagra per donne." Ma forse non è proprio quello che ci aspettiamo.

di Martin Robbins
04 settembre 2015, 12:17pm

Immagine

via

C'è un nuovo medicinale miracoloso in città. L'Addyi è già stato acclamato come il nuovo "viagra per donne," un farmaco perfetto per tutte donne insoddisfatte del mondo che dovrebbe essere la loro versione di ciò che il Viagra è per il loro arrapati compagni di mezza età. Per diversi anni, i suoi creatori hanno dovuto combattere una battaglia lunga e difficile per ottenere l'approvazione da parte della Food and Drug Administration, che finora ha sempre vietato il lancio del medicinale sostenendo che i suoi effetti postivi non siano abbastanza rilevanti rispetto a quelli collaterali. Poi è stata lanciata una campagna contro la FDA, accusata dalle attiviste femministe di discriminazione nei confronti delle donne e di sessismo, e così il medicinale è stato approvato. Da ottobre sarà acquistabile, il problema è che probabilmente non dovrebbe esserlo.

Prima di procedere, lasciamo stare tutte le stronzate sul "viagra per donne." L'Addyi non è una variante del Viagra. Paragonarlo al Viagra serve solo a fare confusione, perché la maggior parte della gente non sa molto nemmeno del Viagra.

Quando prendi il Viagra non ti succede praticamente nulla, o quantomeno nulla che tu sia in grado di percepire. Contrariamente a quanto si pensa, il Viagra non incrementa il desiderio sessuale e non rende improvvisamente arrapati. Non aumenta nemmeno la libido. Quello che fa è solo rendere più facile ottenere e mantenere un'erezione una volta che si è già eccitati. È una specie di idraulico che aggiusta le tubature—un pene è in sostanza solo un sacco penzolante pieno di sangue e il Viagra fa in modo che il sangue rimanga pompato nel sacco.

L'Addyi—o flibanserin, per usare il suo nome non commerciale—è profondamente diverso. È stato sintetizzato negli anni Novanta come antidepressivo e agisce più sul cervello che sul corpo; alterando l'equilibrio dei recettori di dopamina e serotonina il medicinale attacca quelle parti del cervello legate al desiderio sessuale.

Gli effetti sono molto sottili—tanto che saresti perdonato se dopo averlo preso ti chiedessi quali siano. Nel periodo di sperimentazione del medicinale, la FDA ha selezionato un campione di donne che dichiarava di avere in media 2.8 "rapporti sessuali soddisfacenti" al mese. Nel campione di donne a cui è stato somministrato un placebo, questo numero è salito a 3.7; tra quelle a cui è stato somministrato l'Addyi il numero di "rapporti sessuali soddisfacenti" al mese è salito a 4.5. In altre parole, le donne che hanno presso del flibanserin hanno avuto un aumento di rapporti sessuali soddisfacenti pari a 0.8 in più rispetto a quelle a cui era stata data una zolletta di zucchero. Una differenza che potrebbe tranquillamente essere dovuta a un errore di approssimazione.

E questo 0.8 in più costa anche un sacco di fatica. A differenza del Viagra, non basta prendere una pillola—bisogna prendere l'Addyi per un mese, periodo di tempo in cui non si possono bere alcolici. Stranamente, la sperimentazione per vedere cosa succede se si mischiano Addyi e alcol—niente di buono—è stata condotta quasi esclusivamente su uomini. In più, il farmaco sembra anche reagire male con i contraccettivi ormonali e avere una serie di effetti collaterali poco carini—svenimenti, pressione bassa, nausea e, in alcuni casi, danni al fegato.

Ne vale veramente la pena? Per sentire l'opinione di una donna, mi sono rivolto alla mia amica Jennifer, che oltretutto è anche una grande esperta di sesso e di orgasmi. Mi ha dato la risposta che segue: "Se devo prendere delle pasticche ogni giorno che non mi permettono di bere alcolici, voglio almeno un orgasmo o due al giorno. Se ci dovessero essere dei rischi per il fegato, ne voglio cinque. E se in tutto questo non posso prendere la pillola contraccettiva voglio che i preservativi vengano distribuiti gratuitamente."

E questi benefici non sono stati nemmeno paragonati ad altri modi di intervenire per affrontare lo stesso problema. L'Addyi potrebbe—potrebbe—funzionare meglio di un placebo, ma ci sono un sacco di altri modi per migliorare le esperienze sessuali senza ricorrere a delle pillole che hanno effetti collaterali: giochi erotici, un partner migliore, consultare uno psicologo o anche solo installare un nuovo boccino.

Oltretutto, questo farmaco non è pensato per tutte le donne, ma solo per quelle che soffrono di HSDD (Hypoactive Sexual Desider Disorder). La HSDD viene diagnosticata a chi ha un bassissimo desiderio sessuale che causa angoscia e problemi relazionali anche se non è accompagnato da nessun altro problema medico.

Il problema è che la HSSD è una malattia controversa, e molti dubitano del fatto che sia effettivamente un vero "disturbo." Per prima cosa, cosa si intende per un "basso desiderio sessuale"? Se dici a qualcuno che le sue abitudini sessuali siano anormali, stai dando un giudizio su cosa si supponga sia "normale," anche se in realtà la normalità è una cosa culturale. È lo stesso problema che avevano gli psicologi con l'omosessualità quando ancora era ritenuta un disturbo medico—la società ha sempre avuto questo brutto vizio di classificare come "disturbo mentale" ciò che non corrispondeva alle definizioni canoniche del sesso.

Anche se si ritiene che sia un disturbo vero e proprio, ci sono grandi possibilità di diagnosi sbagliate o che molte donne vengano costrette a calarsi delle pasticche da dei partner invadenti.

Nella migliore delle ipotesi, si sta accrescendo l'emancipazione femminile con un supporto legittimo al desiderio di ottenere più piacere sessuale. Nella peggiore, si stanno prendendo delle donne sane che non soddisfano le aspettative della società—oppure, più semplicemente, le aspettative dei loro uomini—e le si stanno drogando per renderle più conformi.

Quale delle due? Be', forse la risposta sta nel mezzo. Ma il problema è che la FDA ha approvato il medicinale e che a partire da ottobre i medici potranno prescriverlo più o meno come vogliono. La FDA non può dire "usatelo soltanto per i malati di HSDD." Dal momento che il medicinale è stato approvato, tutto quello che la FDA può fare è chiedere di farne buon uso ed illustrare bene gli effetti collaterali. I produttori hanno promesso tenere sotto controllo la vendita per i primi 18 mesi, ma dopo quel periodo sarà veramente disponibile per tutti. E vista l'ossessione tutta americana per i medicinali su prescrizione, milioni di donne finiranno per prendere pasticche di Addyi come fossero caramelle.

E allora cosa gli succederà? Chi può dirlo.

Segui Martin Robbins su Twitter

Tagged:
medicine
sesso
Vice Blog
Addyi
farmacia
viagra per donne