Gravidanza fantasma
Illustrazione di Fayza Mubaraki.
Salute

Lo strano mondo delle gravidanze fantasma negli uomini

Alcuni uomini cis provano alcuni degli stessi sintomi fisici e psicologici delle persone in gravidanza e non se ne conoscono ancora bene i motivi.

Durante la gravidanza della moglie, Ezzat, un fotografo egiziano di 45 anni, ha cominciato a sentire dei dolori al petto del tutto simili a quelli provati dalla compagna. Ezzat ha poi consultato—con discrezione—un ginecologo e il dottore gli ha parlato di un problema medico molto particolare, che colpisce gli uomini cis durante la gravidanza della persona che hanno accanto.

Pubblicità

Lo specialista gli ha detto di rilassarsi, assicurandogli che il dolore fantasma sarebbe passato in fretta. Invece, è accaduto tutto l’opposto: ogni volta che la moglie sviluppava nuovi sintomi legati alla gravidanza, come dolori alla schiena o una maggiore propensione a urinare, lui finiva per provare le stesse cose. “Ogni singolo fastidio,” racconta, “è scomparso appena mia moglie ha partorito.”

È quindi probabile che Ezzat avesse la sindrome di Couvade, conosciuta anche come gravidanza fantasma o simpatica, nella quale gli uomini cis fanno esperienza di alcuni dei sintomi fisici e psicologici della gravidanza. Di solito accade durante il primo e il terzo trimestre, ma le percentuali riportate in tutto il mondo sono piuttosto difformi tra loro e non consentono di dipingere un quadro del tutto chiaro.

Il termine è stato coniato nel 1865 dall’antropologo Edward Burnett Taylor, ma alcuni documenti storici e diversi studi contemporanei hanno dimostrato che si tratti di un fenomeno globale e dall’incredibile longevità. In sostanza, sembra quasi che esistano da sempre degli uomini che hanno fatto proprie le sofferenze della gravidanza altrui.

Pubblicità

I sintomi fisici includono la nausea e i bruciori di stomaco, dolori alla schiena e all’addome, rigonfiamento, mancanza di appetito o aumento di peso. I sintomi psicologici possono includere cambi nella routine del sonno, ansia, depressione e una diminuzione del desiderio sessuale.

Nonostante l’interesse e la preoccupazione costanti, i medici tendono tuttora a sottolineare che la sindrome di Couvade rimane difficile da definire da una prospettiva medico-scientifica. Arthur Brennan, tra gli esperti mondiali sull’argomento, afferma che “questo tipo di condizione è al limite tra il fisico e mentale. Non è facilmente catalogabile né in un senso né nell’altro.”

Esistono diverse teorie a riguardo. Alcune persone ritengono la sindrome sia dovuta a un cambiamento ormonale simile a quello che prova un corpo durante la gravidanza. Altre sono più interessate ad esaminare la questione sotto la lente di un aumento del tasso di empatia.

Esiste un’altra teoria, che sostiene che quando un uomo cis si sente messo da parte a causa della gravidanza finisce per provare questi sintomi finché non si sente di nuovo al centro dell’attenzione. Detto senza mezzi termini, cerca in ogni modo di riaffermare la propria posizione all’interno del rapporto.

Nonostante la comunità medica sia d’accordo nel ritenere questa sindrome tutt’altro che semplice o scontata, alcuni dottori—come Mahmoud Ghallab, uno psicologo che lavora al Cairo ed è specializzato nelle questioni famigliari—stanno seguendo la linea dura e mantenendo un atteggiamento particolarmente intransigente. “Sono del tutto convinto che si tratti di una questione interamente psicologica,” sostiene Ghallab. “Compare come una forma di empatia nei confronti delle compagne. E in altri casi appare per attirare attenzione su di sé come conseguenza dell’attenzione riservata nei confronti della persona gravida.”

Pubblicità

Ma esistono anche spiegazioni fisiche e biologiche. I pochi studi ad oggi disponibili mostrano che anche la situazione ormonale degli uomini è soggetta a cambiamenti radicali nella fase pre-natale. Un gruppo di ricercatori canadesi ha scoperto che i futuri padri hanno un livello di estradiolo (un ormone femminile) superiore alla media e livelli più bassi di testosterone (un ormone maschile) rispetto a chi non ha figli. Lo studio indica anche che più tempo i padri passano a occuparsi della progenie, più il livello del testosterone si abbassa.

In ogni caso, nonostante le gravidanze fantasma non siano una cosa nuova, molte persone non si sentono a proprio agio a discuterne. In alcuni casi, come quello di Dawoud, un avvocato siriano di 38 anni, il consiglio è stato di non parlarne. Visto che aveva avuto giramenti di testa, senso di fatica, dolori addominali e perdita di appetito durante la gravidanza della moglie, aveva cercato l’aiuto del fratello, che lavora come infermiere. “Dopo avergli spiegato cosa stava succedendo,” ricorda Dawoud, “lui mi ha detto di non farne parola con nessuno, perché sarebbe stato troppo strano.”

In più, il fratello gli aveva prescritto dei medicinali che non erano serviti a niente. Proprio come Ezzat, i sintomi sono scomparsi da soli poco dopo il parto della moglie. Eppure non va sempre in questo modo, e anzi capita anche che gli effetti persistano o addirittura cambino dopo la nascita dei figli—e sembrano persino esserci prove che indicano l’insorgere della depressione postnatale in alcuni uomini cis.

Pubblicità

La reticenza tutta maschile a discutere pubblicamente dell’argomento a volte è il frutto di un’altra forma di empatia. Ezzat sottolinea di aver parlato alla compagna del problema solo dopo il parto. “Non volevo concentrare su di me l’attenzione. Era lei a essere incinta e ad aver bisogno di cura.”

In ogni caso, benché Ezzat non ritenga la società pronta ad affrontare un simile argomento, crede che questa esperienza possa aiutare a fugare ogni dubbio e a eliminare l’idea che la gravidanza possa essere in alcun modo “facile.”

Proprio come Ezzat e Dawoud, Mohammed, un insegnante di 41 anni dello Yemen, ha accusato alcuni degli stessi sintomi della moglie incinta. “Aveva sempre la nausea,” ricorda. “La mia empatia e tristezza si sono trasformate negli stessi sintomi che stava provando lei. Ero stanco, nauseato e dolorante.” A differenza di altri uomini, Mohammed ne ha parlato con altre persone, ma la cosa non è stata ben accolta in famiglia.

Benché i motivi e le spiegazioni dietro a queste gravidanze fantasma siano ancora materia di dibattito, sappiamo che uomini in tutto il mondo riferiscono di sintomi simili, sia fisici che psicologici. Sappiamo anche che molti non si sentono a proprio agio a parlarne. Ad esempio, gli uomini interpellati per questo articolo hanno preferito non divulgare il proprio nome completo per il timore di essere ridicolizzati.